Legge 104, quale parente può fruire dei permessi e come fare richiesta

Torniamo a parlare di legge 104 e nello specifico di quale parente può fruirne. Possono beneficiare della legge 104 il coniuge, la parte dell’Unione civile convivente di fatto, i parenti e gli affini della persona disabile in situazione di gravità. Nello specifico questi possono beneficiare di tre giorni di permesso mensile anche frazionabili un’ora, in base a quanto previsto proprio dalla legge 104. Nello specifico pare che i permessi retribuiti spettino soltanto ai lavoratori dipendenti disabili che si trovano la situazione di gravità o ancora genitori anche adottivi o affidatari che si trovano in una situazione di gravità e infine al coniuge, parte di unione civile, convivente di fatto, parenti o affini entro il terzo grado di familiari disabili in situazione di gravità.

Questo diritto può essere esteso a tutti i parenti oppure agli affini di terzo grado, soltanto nel caso in cui il genitore oppure il coniuge o ancora parte dell’Unione civile o convivente di fatto della persona con una grave disabilità abbiano compiuto i 65 anni di età , oppure siano affetti da patologia invalidanti o deceduti o mancanti. Ci si chiede però chi siano effettivamente gli affini e nello specifico possiamo dire che c’è affinità di primo grado con suoceri, genero e nuora mentre di secondo grado con i nonni del coniuge, fratelli e sorelle del coniuge e di terzo grado con il bisnonno del coniuge i nipoti degli zii.

Come fare domanda di legge 104

Diciamo subito che la legge 104 riconosce il richiedente ha un handicap In base allo svantaggio sociale. Per fare domanda della legge 104 bisogna recarsi presso il proprio medico di base, che dovrà compilare un certificato telematico SS3 con la richiesta della visita medica presso la commissione ASL, che dovrà stabilire il tipo di handicap. Poi il medico curante dovrà rilasciare all’interessato una ricevuta della richiesta con il protocollo di invio telematico ed entro 90 giorni recarsi ad un patronato per fare richiesta di visita all’INPS sempre in via telematica.

La procedura della data della visita che sarà effettuata entro 30 giorni e poi l’interessato in seguito alla visita dovrà ricevere a casa la comunicazione dell’esito da parte dell’ Inps. Va anche detto che bisogna essere preparati alla chiamata della visita medica e avere sempre a disposizione la documentazione medica riguardante tutte le patologie che possono evidenziare la condizione di gravità per la quale si richiede la 104. Si tratta di una procedura lunga ma molto semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *