Meghan Markle mette in imbarazzo Harry, ecco il perchè

Nella sua cameretta nel k cottage di Frogmore il futuro royal baby dormirà sonni molto tranquilli. Mamma Meghan Markle non ha badato a spese e, per assicurarsi che il suo primogenito non sarà disturbato, ha sborsato 175.000 euro.

Pare impossibile e dicono che Harry sia in imbarazzo con la regina Elisabetta. Eppure basta pensare che solo l’impianto di insonorizzazione con cui ha fatto isolare la cameretta costa sui 60 mila euro; mentre il prezzo del megaschermo a parete che proietterà immagini rilassanti tutto il giorno si aggira intorno ai 29 mila euro.

Ma, oltre all’arredamento, c’è di più: secondo la stampa inglese, la Markle in futuro vorrebbe niente meno che il divo del pop inglese Elton John per insegnare i segreti del pianoforte al Meghan ed Harry sono pronti a fare follie pur di assicurare tranquillità, istruzione e lussi al loro erede. Le spese pazze per il baby Sussex – come viene già chiamato – non sorprendono più di tanto gli inglesi, già abituati alle mani bucate della ex attrice, che per ristrutturare il cottage di Frogmore ha speso 3 milioni di euro. Ma su di lei e sulla monarchia piovono critiche.

«I soldi per sistemare Frogmore sono stati prelevati dalla casa reale solo per ciò che riguarda modifiche necessarie al loro ruolo di reali, tutte le scelte personali dovrebbero averle pagate loro», sottolinea Luisa Ciuni, giornalista ed esperta di teste coronate. «Tuttavia, in un Paese in piena crisi le loro spese appaiono eccessive e i capricci di Meghan per il figlio e la casa non fanno che puntare l’attenzione su quanto spende per vestirsi, persino ora che è incinta e non riutilizzerà più gli stessi capi». Emblematico è il recente comportamento della Markle in occasione di due impegni pubblici nello stesso giorno: la mattina si è presentata in completo verde bottiglia (costo stimato 8.000 euro), nel pomeriggio con un abito di Victoria Beckham. Non proprio parsimoniosa.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.