Tumore polmoni, sintomi, terapie e rischi elevati per fumatori

Print Friendly, PDF & Email

Tutti i sintomi del tumore ai polmoni che non vanno ignorati. Il cancro ai polmoni il secondo più diffuso tra gli uomini e donne, è la causa principale delle morti da cancro, secondo l’American Cancer Socirty.

I fumatori sono senza dubbio più propensi a sviluppare questa condizione, ma la lavorazione a rischio è molto maggiore:

Il 20% delle morti per cancro ai polmoni non sono fumatori. Inquinamento, fumo passivo, esposizione a caso amianto sono solo alcuni dei fattori di rischio di tumore ai polmoni. Il miglior modo per difendersi da questa condizione conoscere i sintomi premonitori: di seguito i più frequenti.

Dovresti notare un aumento della frequenza di condizioni come raffreddore, bronchite, influenza o polmonite, consulta il medico per verificare eventuali problemi nel sistema immunitario.

Il tumore ai polmoni può rendere questi organi più suscettibili a queste condizioni. Per via di peso inspiegabile. Inappetenza e perdita di peso possono essere sintomi del cancro ai polmoni.
Prima di preoccuparti, consulta il medico: sono decine le condizioni fisiche e psicologiche che possono provocare questi sintomi.

Dolore alle dita. Di cancro ai polmoni rilascia sostanze chimiche nel sangue che portano ad una crescita di ossa e tessuti nelle dita. Dolore al torso. Se ti fanno male spesso petto, spalle, schiena o addome, ed avverte la sensazione di pressione, consulta il medico. Voce rauca. Se la voce sembra ancora si avverte dolore quando si ingoia o si parla, si consiglia di consultare il medico.

Tali sintomi sono spesso accompagnati da tosse perdita di sangue dalla bocca. Mancanza di respiro. Un sintomo molto comune, che viene spesso sottovalutato confuso con sintomi di altre condizioni.

Debolezza degli arti superiori. Perdita di capacità di coordinazione, crampi muscolari o debolezza, sono sintomi della sindrome paraneoclassica, una condizione associata al tumore ai polmoni.

Crescita del seno negli uomini. Un altro sintomo della sindrome para neoplastiche, causata dal rilascio di ormoni, proteine altre sostanze del flusso sanguigno.

Cancro al Polmone: La prevenzione è vitale

L’85% dei tumori del polmone è legata una sigaretta, questo è un primo dato catastrofico per questa malattia. Teniamo presente che si abolisse il fumo sarebbe la più grossa rivoluzione dell’oncologia degli ultimi decenni. Quindi, va detto che il primo concetto è la prevenzione primaria. In Italia ci sono ad oggi 35.000 nuovi casi di tumore del polmone, ed ancora ad oggi la mortalità è di 30.000 casi l’anno. Questo vuol dire che purtroppo, ancora oggi il tumore del polmone si guarisce in una percentuale molto ridotta.

Questo tipo di neoplasia porta una notevole mortalità: la prevenzione primaria e disattesa, ossia ci sono moltissimi fumatori, e non è ancora passata nella mentalità di tutti noi che esiste oggi la possibilità di una diagnosi precoce, grazie ad una tecnologia estremamente semplice e poco costosa e non invasiva utilizzando la tac spirale che permette di trovare il tumore in fase molto iniziale, quindi di poter intervenire con grandi risultati in termini di guarigione.

Questo tipo di Tac ci permette di effettuarla sul paziente nel corso della vita, perchè è con un tasso di tossicità molto limitata ed è per questo indicata per i soggetti ultracinquantenni e fumatori. Quello che tutti sappiamo ma, purtroppo non ci si rende conto e che il fumo quando si è in giovane età non dà danni, almeno per quanto riguarda la problematica oncologica, i danni purtroppo escono fuori quando si comincia ad avere una certa età, ossia di cinquant’anni. Quindi, possiamo dire che nella parte più delicata della vita, si va incontro a danni che ti sei creata in gioventù.

La diagnosi precoce oggi va riservata ai pazienti forti fumatori, perché sappiamo che il tumore ai polmoni può colpire anche i non fumatori, però va detto che sono dei tumori che hanno problematiche differenti, di tipo genetico familiare, mentre il forte fumatore colui che già su una predisposizione di un fattore genetico, l’arrivo di fumo di sigaretta provoca l’insorgenza del tumore. In questa categoria di pazienti, dobbiamo cercare di monitorizzare la prevalenza del tumore del polmone.

Nel corso della vita del fumatore, se sviluppa un piccolo nodulo tumorale con delle tecniche poco aggressive e non invasive che al giorno d’oggi sono disponibili in oncologia, si può effettuare un intervento radicale completo.

Ovviamente, la chirurgia è il metodo principale per affrontare il tumore al polmone. Ci sono due tipi essenzialmente di tumore al polmone: un tipo viene chiamato a grandi cellule e rispecchia l’ 85% nel tumore al polmone, e sono quelli che se vengono diagnosticati in fase iniziale con un semplice intervento chirurgico possono guarire. Esiste poi un tipo di tumore del polmone chiamato piccole cellule, ed è un tumore particolarmente aggressivo e fa parte di quel 15% del tumore al polmone strettamente correlato al fumo e dove viene affrontato essenzialmente un trattamento medico essendo tumore molto sensibili alla chemioterapia punto anche in questo caso ovviamente sarebbe importante trovarli in fase iniziale. Per questi tumori la strada è completamente differente, si affronterà una strada medica di chemioterapia e radioterapia, e con queste strategie si è trovato in fase non avanzata si hanno degli ottimi risultati.

Così come la tecnica chirurgica si è voluta utilizzando tecnologie sofisticate, anche le tecniche diagnostiche preoperatoria si sono evolute, un tempo per fare diagnosi istologica del tumore del polmone si devono fare interventi e si effettuavano anche tecnologie broncoscopiche grossolane. Oggi giorno nella tecnologia diagnostica preoperatoria si utilizzano dei broncoscopi ad altissima tecnologia che hanno sulla punta una telecamera miniaturizzata, un micro ecografo e la possibilità dalla punta di estrarre un ago che permette di effettuare degli ad aspirare all’interno del polmone. Quindi quando ci sono noduli polmonari che necessitano di una diagnosi preoperatoria, grazie alla quale vengono poi sottoposte all’intervento chirurgico, si utilizza questa tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.