Al Bano, clamorosa confessione su Ylenia: ‘quel giorno ho bevuto fino a stordirmi…”

Pubblicato il: 10 Settembre 2020 alle 3:35

La vita di Albano Carrisi è stata segnata da diversi dolori. L’unico più grande la scomparsa di Ylenia Carrisi. Accettare la morte di un figlio sembra essere assolutamente impossibile, ma con l’amore della sua famiglia e la fede è riuscito ad andare avanti.

Ancora oggi, a distanza di 26 anni si parla di quel tragico gennaio del 94, quando la figlia dei due artisti sparì improvvisamente da New Orleans. Durante tutto questo tempo, numerosi sono stati gli avvistamenti ma anche le probabilità che la giovane sia morta. Attualmente nessuno sa cosa le sia successo ma Al Bano è certo che sua figlia non c’è più.

Il cantante di Cellino San Marco, attraverso una’autobiografia, si è raccontato a 360°. Parlando dei suoi successi, della passione per la campagna, del successo e della musica non ha potuto non nominare la sua primogenita.

L’ipotesi sulla scomparsa di Ylenia Carrisi

Albano e Romina Power ancora oggi, non sono a conoscenza di quello che possa essere successo a Ylenia. Come già detto in precedenza, la pista più plausibile è il suicidio. La Polizia statunitense, ha più volte ribadito il fatto che la giovane ragazza, all’epoca 23enne sia deceduta dopo essersi gettata nelle acque del Mississippi, e che il corpo sia stato trascinato via della corrente.

Un’altra pista che per anni è stata seguita è la presenza di un killer. Ylenia avrebbe chiesto il passaggio ad un uomo, un camionista già complice di altri omicidi. L’uomo, sempre secondo ipotesi mai confermate, l’avrebbe prima rapita e poi ammazzata.

Negli ultimi anni, invece, sembra che la prima figlia di Al Bano sia stata avvistata in un monastero in Germania. Quì avrebbe cambiato identità e si sarebbe rinchiusa nel suo dolore. Ylenia pare non avesse un buon rapporto con il padre e sembra non amasse il continuo stare sotto i riflettori.

Al Bano: “ho bevuto fino a stordirmi”

Uno dei momenti più difficili per lui è stato quel momento in cui ha capito che Ylenia non sarebbe più tornata.“Ho nutrito per anni la speranza, ma oggi so che se n’è andata tra le acque di quel fiume”.

Durante la stesura della sua autobiografia, Al Bano ha confessato le sue debolezze:“Ho bevuto fino a stordirmi prima di aggiungere alla mia autobiografia la parte sulla scomparsa di mia figlia Ylenia. Poi ho chiamato il giornalista che ha collaborato con me alla stesura del libro, e ho dettato. Non ho neppure voluto rileggerlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *