La premiere arriva in tempo per salire nella top ten prima di Halloween , in quanto è un titolo che si presta alla visione in questo momento. Abbassa le tue aspettative se ti aspetti una proposta agghiacciante, poiché è piuttosto un film con una grande ambientazione e un trattamento visivo impressionante, che non finisce mai per generare brividi o sfruttare al meglio le idee della trama.

Cadavere ci presenta un futuro post-apocalittico : dopo un conflitto internazionale, il mondo è immerso in un inverno nucleare. Il cibo scarseggia ei sopravvissuti sono combattuti tra la vita e la morte, alla ricerca tra le rovine di cosa mettere in bocca mentre molti svengono nel tentativo o sono destinati al suicidio per la mancanza di alternative.

In questo terribile contesto, Leonora, che una volta era una famosa attrice di teatro, e suo marito Jacob cercano di andare avanti, desiderando i vecchi tempi e chiedendosi che tipo di futuro attende la loro piccola figlia Alice.

Un bel giorno viene annunciato un grande spettacolo teatrale organizzato da Mathias, proprietario di un lussuoso albergo, accompagnato da una sostanziosa e gustosa cena. Chi può pagare l’ingresso, intraprende l’esperienza, anche liberandosi dei propri risparmi, ma nessuno sa esattamente cosa troverà.

Dopo cena, Mathias annuncia che lo spettacolo sarà coinvolgente e che il pubblico si differenzierà dagli attori indossando una maschera di metallo. Leonora, Jacob e Alice percorrono, come il resto, le stanze dell’hotel, inseguendo ciò che più cattura la loro attenzione. Tutto si complica quando gli spettatori iniziano a scomparire e Alice svanisce senza lasciare indizi.

Cadavet ha molto da offrire nella sezione visiva: l’allestimento è molto curato e la fotografia è una vera delizia. Il film ha sequenze diverse che disturbano per quello che mostrano: tappeti rossi, decorazioni dorate sovraccariche e nature morte con animali decapitati popolano un hotel labirintico e maestoso e quello che suggeriscono: quella tragedia sta arrivando.

In questo strano incrocio tra Eyes Wide Shut e The Road , Gitte Witt ( The Impossible ) fa un buon lavoro come madre addolorata e sofferente, ma  Thorbjørn Harr ( Vikings ) ha qualche difficoltà a sviluppare il suo ruolo date le linee di dialogo poco stimolanti. devi tenere.

Fino alla conclusione del primo atto, tutto concorre a realizzare la sua missione di tenerci incuriositi e interessati, cercando di indovinare cosa verrà dopo.

Sfortunatamente, la suspense svanisce da quel momento in poi, poiché la trama è ovvia, prevedibile e una manciata di grandi idee che avrebbero potuto essere un vero oro vanno sprecate. Se avessimo approfittato di elementi come la confusione di identità tra pubblico e attori o avessimo riflettuto di più sul “grande teatro della vita”, le abbondanti licenze narrative che rendono la sceneggiatura priva di logica in molti momenti e che non ci sono chiari sarebbero perdonate. le motivazioni dei personaggi e il loro passato.

Se questo 2020 stai cercando di passare un momento spaventoso con la luce spenta e la coperta vicino, Netflix ha alcuni film inquietanti.

Ben presto, The Corpse dimentica l’esterno dell’hotel (quell’ambiente ostile di cui abbiamo così pochi indizi) e comincia a ricadere in aspetti ridondanti e, per di più, non riescono ad avere una spiegazione minimamente credibile. Non è che sia un film completamente fallito, ma aveva il potenziale per dare molto di più di se stesso. Per passare il tempo, è sufficiente, ma manca molta sostanza per essere memorabili e spiritosi colpi di scena per essere coinvolgenti.