Press "Enter" to skip to content

Coronavirus, ecco i consigli per tener occupati i nostri figli

La diffusione del contagio da Covid-19 ha costretto il governo, tra le altre cose, a chiudere le scuole, relegando i bambini nelle proprie case per qualche settimana, nelle zone rosse anche più di qualche settimana. A differenza dei normali periodi vacanzieri (Natale, Pasqua e periodo estivo), in questa circostanza i nostri figli vengono inseriti nella normale attività
quotidiana dei genitori. È il caso allora di approfittarne per farli sentire, ove possibile, parte delle nostre giornate, di occuparli utilizzando le loro capacità. Ecco i consigli su come fare.

NO ALL’ISOLAMENTO
Nonostante l’allarme sanitario, evitiamo di isolarci del tutto. Il pedagogista Giuseppe Bertagna dell’università di Bergamo consiglia un contatto quotidiano con maestri e docenti – anche in chat – non tanto per l’assegnazione di compiti, ma per mantenere vivo il rapporto. Ci si interessa gli uni allo stato degli altri: anche il chiedere “come stiamo” dimostra affetto e fa capire che l’altro sta pensando a noi.

PASSEGGIATE E LAVORETTI
Evitare luoghi affollati non vuol dire stare chiusi in casa. Facciamo passeggiate e andiamo il più possibile all’aria aperta, osservando la natura o portando a spasso il cane. Occupiamo
i nostri figli in casa, seguendo il consiglio degli esperti. Non dovendo fare le cose di corsa per andare a scuola, è il momento giusto, a seconda delle età, per imparare a rifarsi il letto, piegare panni e lenzuola, fare la spesa, insomma per inserire i nostri figli all’interno della quotidiana routine familiare. Se i figli sono più d’uno si può fare anche una sorta di calendario delle competenze: un giorno qualcuno appare chia la tavola, l’altro sparecchia, uno porta la spazzatura fuori e l’altro lava i piatti, poi all’indomani ci si scambiano i compiti.

OCCUPARE TEMPO E MENTE
Sappiamo che la tv o i videogiochi sono una grande tentazione, più per il genitore che per i figli, perché in quel modo non li vede e sente per un po’, ma tutti i pedagogisti sono contrari all’abuso di apparecchiature elettroniche. Scegliamo, piuttosto, un gioco di carte, un puzzle, i Lego per occupare il loro tempo. Trascorrere il pomeriggio con un gioco di società può essere la scelta migliore: un Mo- nopoly insegna ai bambini a contare e a gestire le banconote, lo Scarabeo li aiuta a prendere confidenza con l’alfabeto e con la formazione delle parole (imparandone anche di nuove), con il Risiko si impara la geografia, con i puzzle e con il Memory si sviluppa la memoria fotografica.

LEGGERE E ASCOLTARE STORIE
L’importanza della lettura e delle fiabe. In cima alla piramide delle cose più belle e utili da fare con i vostri bambini c’è, ovviamente, una buona lettura. Gli esperti dicono che un bambino che legge, o al quale viene letto quotidianamente, avrà un vocabolario più ricco e si esprimerà meglio sin dai primi anni di vita. Oltretutto, quando leggiamo un libro ad alta voce, abituiamo nostro figlio ad ascoltare, aumentando così i suoi tempi di attenzione.

Secondo la psicoterapeuta Antinea Pezzè, «Una storia può aiutare i genitori a preparare i propri figli a qualsiasi cosa, specialmente se si sceglie una favola in cui il bimbo può facilmente ritrovarsi. In questo modo per i bimbi sarà più facile superare alcune paure, vivere delle situazioni difficili, affrontare degli episodi insieme ai loro amici che vivono nelle pagine del libro. Leggere ai bambini rappresenta una vera e propria fase di crescita che aiuta i piccini. Ma aiuta anche gli adulti. Un esempio? Quale modo migliore per preparare un bambino alla nascita di un fratellino? Una storia può davvero preparare a tutto».

«Le storie aiutano i bambini a conoscere il mondo circostante», conferma lo psicologo clinico Guido Giovanardi. È grazie al meccanismo della finzione, del “fare finta che”, che i bambini riescono
a sperimentare in modo creativo e giocoso il loro modo di stare al mondo. Per questo le storie di Cenerentola o Biancaneve paiono scritte ieri, anche se parlano di principi e streghe: quel “c’era una volta” le colloca in una dimensione senza tempo. Le fiabe sono sempre attuali, anche in momenti di crisi come questi.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *