Nicola Porro, Piero Chiambretti e Giuliana de Sio, il coronavirus non ha risparmiato il mondo della Tv

Pubblicato il: 11 Aprile 2020 alle 5:57

Da Hollywood a Cinecittà, dalla tv ai campi da calciò, dai palazzi della politica a quelli reali. Se c’è una certezza, è che il Coronavirus colpisce tutti. Ma proprio tutti, senza distinzione tra vip e non vip, ricchi e poveri, nobili o popolo normale. È lungo l’elenco di personaggi, più o meno famosi, italiani e internazionali, che hanno reso nota la positività al Covid-19, nemico invisibile con cui siamo in guerra. Tra gli ultimi, il tenore e direttore d’orchestra spagnolo, 79 anni, Placido Domingo: dopo uno spavento per un trasferimento d’urgenza in un ospedale di Acapulco, in Messico, sta meglio e continua la convalescenza nella sua casa di Acapulco. Sui social sollecita tutti a stare in casa: «Chiedo a tutti di essere estremamente attenti, di seguire le linee guida, facendo tutto il possibile per impedire la diffusione del virus. Insieme possiamo combatterlo, fermare l’attuale crisi mondiale, per tornare al più presto alla nostra normale vita quotidiana».

Tra i primi contagiati, Giuliana De Sio, attrice di Salerno, che su Facebook ha scritto di stare bene: «Sto a casa a fare la vita ritirata, sono completamente fuori dal virus». La De Sio, prima di comunicare ai fan di essere in quarantena, ormai fuori pericolo, era stata ricoverata all’Ospedale Spallanzani di Roma, e da lì, sempre su Facebook, scriveva: «La solitudine feroce di questa situazione, il dolore fisico, mentale che ne derivano sono la prova più dura cui io sia stata sottoposta in tutta la mia vita».  E stato ricoverato anche Piero Chiambretti: è andato all’ospedale Mauriziano di Torino con l’amata mamma Felicita, pure contagiata, ma lei purtroppo non ce l’ha fatta, ha perso la vita. Chiambretti sta bene: è stato dimesso dopo che per due volte il tampone è risultato negativo.

Contagiato Nicola Porro, vicedirettore del Giornale e conduttore di Quarta Repubblica su Rete 4: ha comunicato sui social di aver contratto il virus, poi ha parlato della sua esperienza con Tv Sorrìsi e Canzoni: «Ho avuto febbre alta, fino a 39, tosse, da domenica 8 marzo per quattro, cinque giorni». Isolato a Roma, lontano da moglie e figli, Porro non ha patito la solitudine: «Nei giorni in cui sono stato male arrivavo alla sera stravolto, ho dormito, non mi sono accorto della solitudine». Quando ha visto scendere la temperatura ha capito «che poteva essere finita, anche se ero ancora debole». Se Porro è stato uno tra i primi giornalisti contagiati, il segretario del PD e Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti è stato il primo politico “eccellente” positivo al Coronavirus. L’ha scoperto dopo esse re andato a Milano.

Ora Zingaretti è guarito, sui social ha scritto: «Dopo 23 giorni di isolamento sono risultato negativo a due tamponi consecutivi». Tra i politici, infettati anche i viceministri della Salute Pierpaolo Srieri e dell’istruzione A ima Ascani, che al termine della quarantena obbligatoria, come Zingaretti, sono risultati nega tiri ai tamponi di controllo, sono tornati alla vita normale, in un momento in cui la normalità è strettamente vincolata alle regole (di buon senso e non solo). L’isolamento è la prima arma per evitare la diffusione del virus. Lo sa bene il principe Alberto di Monaco. «Ho avuto paura, come tutti, quando mi hanno comunicato il test positivo al Covid-19», ha dichiarato al Corriere della Sera. «Ora sto meglio, ma è stato brutto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *