Sampdoria – Lazio dove vedere Diretta Live Tv Streaming Gratis Sky o Dzan

Pubblicato il: 17 Ottobre 2020 alle 5:28

Sampdoria Lazio Serie A tim 2020/21, dove e come vedere la partita in diretta tv e live streaming. Allievo contro maestro sarà questa la parola d’ordine di questo match, valevole per la quarta giornata di campionato. In realtà Ranieri e Inzaghi non hanno mai lavorato insieme, ma si parla di Match allievo contro maestro per un discorso legato all’età dei due allenatori.

Sampdoria Lazio Serie A tim 2020721, a partire dalle ore 18.30

Le due squadre Sampdoria e Lazio Si sfideranno oggi, sabato 17 ottobre allo stadio Marassi a partire dalle ore 18:30. Il calcio giocato da entrambe le squadre è piuttosto offensivo e per questo motivo lo spettacolo sarà assicurato. Entrambe le squadre sembra che abbiano una grande capacità di adattamento e pare riescano a mettere in campo i loro principali punti di corsa. Purtroppo sia l’una che l’altra dovrà fare a meno di qualche giocatore importante. Ad esempio la Lazio dovrà fare a meno di Immobile, che dovrà scontare la squalifica che gli è stata assegnata dal giudice sportivo. A giocare con molta probabilità ci sarà Caicedo. Non si sa se i Blucerchiati allenati da Claudio Ranieri vorranno vendicare il 5-1 dello scorso anno subito proprio all’Olimpico. Insomma, questo match per diverse motivazioni si preannuncia piuttosto interessante.

Dove e come vedere la partita

Il match Sampdoria-Lazio valevole per la quarta giornata di campionato di serie A, sarà visibile su Sky. Il calcio d’inizio è fissato per le ore 18.00 e le due squadre scenderanno in campo allo stadio Luigi Ferraris di Genova. Come abbiamo avuto modo di vedere, la partita sarà visibile in diretta e in esclusiva su Sky sul canale Sky Sport 253. Si potrà in alternativa seguire il match anche in streaming scaricando l’applicazione Sky Go che è disponibile su smartphone, PC e tablet.

Probabili formazioni

Come abbiamo già avuto modo di anticipare, ci saranno parecchie assenze importanti soprattutto in casa Lazio. Nella nella giornata di ieri il mister Simone Inzaghi, in conferenza stampa ha annunciato i 6 assenti e ovviamente tra questi spicca il nome di Immobile. Oltre a quest’ultimo, mancheranno anche Lazzari e Luiz Felipe insieme a Radu e Lulic. Insomma, le cose non sono proprio messe bene per il mister alla luce anche della partita che la Lazio dovrà giocare in Champions League. In casa Sampdoria, le cose sembrano essere più tranquille visto che Ranieri può tranquillamente scegliere e sarebbe pronto a schierare in attacco proprio Keita al fianco di Quagliarella.

SAMPDORIA (4-4-2): Audero, Berezsynski, Tonelli, Colley, Augello; Candreva, Ekdal, Thorsby, Jankto; Keita, Quagliarella. Allenatore: Claudio Ranieri

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Patric, Parolo, Acerbi; D.Anderson, Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto, Fares; Correa, Caicedo. Allenatore: Simone Inza

Tre casi di positività al covid nel gruppo squadra della Sampdoria ma nessun giocatore della prima squadra a rischio – almeno per ora – in vista della gara di oggi con la Lazio. I tre contagi riguardano un calciatore della Primavera e due membri dello staff che siano stati subito isolati. Tutti gli altri calciatori sono risultati negativi ai test delle ultime ore e sono stati sottoposti nella serata a ulteriori tamponi, i cui esiti arriveranno entro le 14 di oggi, ovvero entro quattro ore dal calcio d’inizio della sfida coi biancocelesti: i blucerchiati insomma incrociano le dita e contano di non dover rinunciare a qualche elemento per la gara di oggi.

La Sampdoria aveva già avuto una dozzina di contagi nel periodo tra marzo e maggio, quindi solo nelle ultime settimane ha dovuto fare i conti con la positività di Reità Balde appena arrivato dal Monaco. Ora però il senegalese – peraltro ex di turno – è disponibile ed è pronto al suo esordio in maglia blucerchiata: di sicuro il giocatore più atteso di giornata. Prima convocazione anche per Adrien Silva, altro giocatore che almeno sulla carta dovrebbe permettere ai doriani di alzare il livello. Non è chiaro però se i due neoacquisti partiranno dall’inizio, oltre tutto in una vigilia in cui – a causa dei tre casi di positività al covid nel gruppo squadra – il tecnico Claudio Ranieri non ha parlato.

Nessuna indicazione dunque sulla probabile formazione. In attacco di sicuro non ci sarà Gabbiadini, sempre out per un’infiammazione alla zona inguinale (per ora niente intervento, si va avanti con la terapia conservativa e ci saranno nuove valutazioni mediche nei prossimi giorni), e considerando un Keita difficilmente già al top della condizione è possibile che sia Gaston Ramirez un po’ a sorpresa a giocare dall’inizio al fianco di Quagliarella in attacco.

Una strana estate quella del trequartista uruguayano, sempre con le valigie pronte ma alla fine rimasto alla Samp nonostante il contratto in scadenza. Un giocatore che pareva vicinissimo al Torino ma che anche la stessa Lazio aveva seguito nel corso del mercato. Le altre scelte di formazione vedranno in campo con ogni probabilità tanti giocatori reduci dagli impegni con le rispettive nazionali: Adrien Silva potrebbe essere una carta da giocare in corso, con Ekdal inizialmente titolare a centrocampo. La Samp non batte la Lazio dal 2016: il romano e romanista Claudio Ranieri sarebbe ben lieto di poter sfatare questo tabù.

Ritorna il campionato ma anche la Champions, gli impegni infrasettimanali, 7 gare nei prossimi 22 giorni. Martedì c’è già il Borussia Dortmund, così Simone Inzaghi almeno per questo week end non cambia la sinfonia: «È normale che delle valutazioni andranno fatte, ma in questo momento la mia testa è solo per la partita con la Sampdoria. Giocheremo contro un avversario che ha fatto molto bene a Firenze e sarà difficile da affrontare».

Di pali passo, il tecnico ostenta la solita serenità e parla dell avversario da affrontare conio stesso standard di umiltà e rispetto, la forza che ha da sempre contraddistinto le sue Lazio: «La Sampdoria è una squadra organizzata – prosegue Inzaghi – con un bravissimo allenatore, molto preparato e che ha tantissimi anni di esperienza. Loro sono in salute, dovremo fare una grandissima partita a livello di squadra e le motiviazioni faranno la differenza». A Marassi la Lazio ritroverà anche due glandi ex, Candreva e Keita, due ex pupilli di Inzaghi: «Sono molto legato a loro, sono stati due giocatori molto importanti per me e non avrei voluto che andassero via, ma hanno fatto altre scelte. Li rivedrò comunque molto volentieri e dato che hanno grandi qualità per me saranno osservati speciali». Sarà una Lazio ancora una volta arrabattata per le assenze e, certo, a dare una mano al tecnico non ci ha pensato il mercato. Inzaghi però ne parla sempre con equilibrio e si dice «soddisfatto» dell’inserimento dei nuovi: «Ho trovato grandissima disponibilità. Sono arrivati dopo, ma in questa settimana Muriqi e Hoedt hanno lavorato molto bene. Abbiamo fatto delle scelte e ponderato, viste anche le esigenze che ci imponeva il mercato abbiamo puntato su Hoedt che conosce l’ambiente e potrà fare molto bene». Tra i nuovi ce Fares: «Sto riprendendo – ha ammesso l’esterno algerino – mi sento abbastanza bene. Essere qui è una grande gioia, la Lazio è una grandissima squadra. L’ho affrontata da avversario, giocarci ora è un onore. Lazzari? L’ho sentito, ci ho parlato, ci ho giocato due anni a Ferrara. Mi sono trovato benissimo con lui. Ho avuto modo di parlarci prima di arrivare a Roma». Presentato anche Akpa Akpro, ex capitano del Tolosa prima di fermarsi quasi due anni per un doppio crociato rotto: «La forza l’ho trovata nella mia famiglia e nei miei amici. Mi sono ripetuto di non dover mollare, il calcio è troppo bello», ha confessato l’ivoriano, molto amico di Didier Drogba: «L’ho conosciuto al Mondiale – rivela – mi ha detto che sono un uomo vero, quando sono in campo do tutto per la squadra. Mi ha detto di non cambiare. E da lì siamo diventati grandi amici».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *