Silvia Provvedi de Le Donatella, su Instagram foto gravidanza

Pubblicato il: 5 Aprile 2020 alle 6:24

Nella voce ha un’emozione incontenibile: «A fine giugno divento zia di una femminuccia. Non ero pronta, mia sorella mi ha sorpreso e io ho la lacrima facile. Quando l’ho saputo ho vissuto per una settimana immersa in una bolla». Giulia Provvedi, la bionda del duo Le Donatella, parla per la prima volta del «meraviglioso regalo» che la vita le sta facendo tramite la gemella Silvia, con la quale ha sempre «camminato mano nella mano», nella professione e nella vita privata. «Ora, per via del coronavirus e delle relative restrizioni negli spostamenti, non ci vediamo da settimane. Ma lei mi manda un’infinità di foto del pancione che cresce, facciamo continue videochiamate e io ogni volta provo sensazioni magnifiche, accompagnate da immensa commozione».

Giulia in questo momento è a Ferrara con il fidanzato, il portiere dell’Atalanta e della nazionale Pierluigi Gollini, al quale è legata da circa tre anni, mentre Silvia sta vivendo la maternità a Milano con il compagno Giorgio De Stefano, imprenditore lontano dalle luci dello spettacolo con cui fa coppia fissa da un paio di anni. Una distanza che pesa, «ma anche un sacrificio ora necessario, per il bene di tutti», precisa Giulia. «Sul nostro profilo Instagram [le sorelle lo condividono, ndr] ci scambiamo opinioni con i fan, soprattutto con le mamme in attesa.

Io, comunque, sono ottimista per natura e sono certa che andrà tutto bene». Giulia era presente quando Silvia, insieme con il compagno, ha fatto il test di gravidanza, dopo il classico ritardo e qualche giorno di nausea. «Quando ci ha detto che il test era positivo ero al settimo cielo. La bambina che era cresciuta con me si stava trasformando in una mamma. Non ci potevo credere». Le due gemelle hanno deciso di condividere la gioia con tutti i fan, pubblicando sui social la prima ecografia. «Io ho partecipato alla seconda e, per miracolo, sono riuscita a non piangere, perché a casa mi ero esercitata sulla respirazione. Poi, con nostra madre, sono stata a una terza visita. Seguo tutto con grande partecipazione ma non voglio essere invadente ». L’entusiasmo nella voce di Giulia non si smorza un attimo.

C’è da immaginare che sarà la zia che ogni bambino vorrebbe. «Amo dare e ricevere coccole, di certo mia nipote sarà una bimba amatissima. E sì, le concederò quel che vuole, terrò i segreti quando me li sussurrerà all’orecchio, anche se sono consapevole di dovere rispettare l’educazione primaria che le daranno i suoi genitori», confida. «Le ho già comprato un regalo. Il primo non poteva che essere mio. Anzi nostro: l’ho scelto insieme con Pierluigi, è un abitino semplice, non amo molto i fronzoli. Per me era un dono così importante che ci ho messo un’ora e mezza a decidermi». Deduciamo che il calciatore sia un uomo paziente. Giulia ride. «Mi rende davvero felice».

La crisi che hanno vissuto la scorsa estate è solo un ricordo. «In quel periodo non ci siamo mai lasciati del tutto. Ora, in questa convivenza di 24 ore su 24, ci alleniamo insieme e ci siamo scoperti ottimi chef, purché la cucina sia sana. Siamo riusciti a preparare persino squisiti pancake. Poi guardiamo le serie Tv e io sto prendendo lezioni di inglese dal professore che aveva seguito Pier. Lui padroneggia benissimo la lingua, è stato nelle giovanili del Manchester United. E mi aiuta anche nelle pulizie, si sta rivelando un ottimo uomo di casa». Seguirete presto l’esempio di tua sorella? «Ne parliamo, sempre più spesso, ma per noi è ancora un po’ presto. Magari tra un annetto… Prima però vogliamo gettare basi solide alla nostra unione, quella è una scelta che va fatta con responsabilità ». Anche perché Giulia ci fa capire che in pentola bollono seri progetti lavorativi: «Seguo con costanza lezioni di recitazione. Il mio obiettivo è il cinema, in ruoli alla Paola Cortellesi, anche se mi affascinano puri i gialli». E poi, statene certi, presto la rivedremo in Tv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *