Anna Corona e Jessica Pulizzi, l’intercettazione shock su Denise Pipitone

“Fino a prova contraria Denise è viva e va cercata. Se e quando ci dimostreranno il contrario, solo allora smetteremo di cercarla e proseguiremo diversamente. Chiunque, in tutti questi anni, ci abbia fatto del male, dire !amente o indirettamente, non può e non deve rimanere impunito, soprattutto chi ha sequestrato Denise”. È un messaggio straziante quello di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, la bimba che non aveva ancora quattro anni quando sparì da Mazara del Vallo (Trapani). Era il primo settembre del 2004, stava giocando davanti allabitazione di famiglia.

Mamma Piera in questi giorni è molto provata perché, a 17 anni dalla scomparsa di Denise, la Procura di Marsala ha riaperto le indagini, a seguito delle dichiarazioni
rese dal pubblico ministero che per primo si occupò del caso, Maria Angioni.

Il magistrato è stato anche in Procura nei giorni scorsi e ha confermato che nell”inchiesta, all”epoca della scomparsa di Denise, ci furono clamorosi errori e omissioni. Insomma, Maria Angioni avrebbe fatto intendere che qualcuno per diverso tempo potrebbe aver ostacolato la verità. Ecco le sue inquietanti parole: di Angela Corica Mazara del Vallo (Trapani) «Quell”inchiesta era un terreno minato.

Leggi Anche  Denise Pipitone: parla Mariana che riconosce la donna del video di Danas e confessa "La figlia non sapeva chi fosse la madre"

In queste settimane si è tornato a parlare ancora una volta della scomparsa della piccola Denise Pipitone. Quest’ultima è la bambina scomparsa da Mazara del Vallo in provincia di Trapani in Sicilia esattamente il primo settembre 2004. In quest’ultimo periodo si è tornati a parlare incessantemente di questo caso di cronaca irrisolto fino ad oggi e molte trasmissioni televisive se ne sono occupati. Ovviamente la trasmissione principale che di tanto in tanto ne ha parlato e che in queste settimane si è battuta per il ritrovamento della piccola è Chi l’ha visto. Tante altre trasmissioni, come ad esempio Storie italiane ha voluto parlare della scomparsa della bambina e lo ha fatto e in questi giorni.

Storie Italiane, in onda nuove scioccanti intercettazioni

Nel corso di una puntata di Storie italiane, sono state mandate in onda delle intercettazioni davvero scioccanti che hanno lasciato senza parole. Queste interpretazioni riguarderebbero Anna Corona e Jessica Pulizzi. Le due donne da sempre sono le principali indagate per la scomparsa della bambina. «Eravamo a casa, la mamma l’ha uccisa a Denise» , queste le parole agghiaccianti che sono state mandate in onda da Storie italiane.

Leggi Anche  Piera Maggio: chi è la mamma della piccola Denise Pipitone, età, carriera, vita privata, marito e figli

A parlare sono Jessica e Alice Pulizzi, ovvero le figlie di Anna Corona che ad oggi è la principale sospettata per la scomparsa della piccola. Ebbene, nel corso della puntata i telespettatori di Rai 1 così come la conduttrice Eleonora Daniele e tutti i presenti in studio hanno potuto ascoltare queste nuove intercettazioni mandate soltanto negli ultimi giorni in onda. Si tratta quindi di intercettazioni che risalirebbero a ben 17 anni fa subito dopo la scomparsa della bambina.

“L’ha uccisa a Denise la mamma”, parole molto forti e che non lascerebbero dubbi

«L’ha uccisa a Denise la mamma, tu dici queste cose boh», queste le parole pronunciate da Alice, Durante una conversazione avuta con Jessica, la quale subito dopo avrebbe invitato la sorella a stare in silenzio. «Tu non devi parlare», direbbe Jessica e Alice: «Logico».
Ad occuparsi del caso della bambina di Mazara del Vallo e della sua scomparsa è stata anche la trasmissione Quarto Grado. Anna Corona è stata intervistata proprio dalla trasmissione in questione, intervista che non sembra essere piaciuta affatto alla criminologa Roberta Bruzzone. Questa si sarebbe aspettata un paio di domande più importanti e fondamentali che però non sono arrivate.

Leggi Anche  Denise Pipitone: Mariana e la testimonianza shock "Si chiama Antonio e vive in Romania"

La criminologa Roberta Bruzzone contrario all’intervista di Quarto Grado

Secondo la Bruzzone bisognava domandare ad Anna Corona dove fosse realmente il giorno della scomparsa della bambina. Un’altra domanda che a suo modo di vedere doveva essere fatta era descrivere i rapporti con la sua amica Stefania. Questi pare fossero molto frequenti e poi cessati improvvisamente dopo Il rapimento. Secondo la nota criminologa, Anna Corona avrebbe mentito per tutta la durata dell’intervista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *