News

Giovanni Scattone: chi è l’assassino di Marta Russo all’Università la Sapienza, condanna, età, vita privata

Torniamo a parlare dell’omicidio la Sapienza e nello specifico della morte della giovane studentessa Marta Russo. Quest’ultima Purtroppo è venuta a mancare ormai tanti anni fa ed esattamente il 9 maggio 1997. Per il suo omicidio è stato arrestato e condannato Giovanni Scattone il quale all’epoca era l‘assistente alla cattedra di filosofia del diritto all’università La Sapienza di Roma. Dopo avere scontato la condanna oggi sembra si sia rifatto una vita, si è sposato ed ha avuto anche dei bambini. Ma chi è Giovanni Scattone?

Leggi Anche  Marta Russo: chi era la studentessa uccisa a La Sapienza, fidanzato, piste seguite

Giovanni Scattone, chi è l’assassino di Marta Russo

È la persona che purtroppo è rimasta coinvolta in uno degli omicidi più misteriosi e più gravi della storia italiana. Stiamo parlando dell’uccisione della giovane studentessa di 22 anni nel mese di maggio 1997 raggiunta da un colpo di pistola all’interno dell’università La Sapienza di Roma. Scattone è ritenuto colpevole dell’omicidio e all’epoca era un assistente universitario. Nel 2003 è stato riconosciuto il responsabile con una sentenza definitiva per omicidio colposo aggravato. È stato condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione per omicidio colposo e anche Salvatore Ferraro e un collega di studi. Entrambi però hanno da sempre sostenuto di essere innocenti.L’omicidio della sapienza è stato comunque uno dei più complessi e quello che ha avuto anche un grande rilievo a livello mediatico nel nostro paese e non solo.

Leggi Anche  Omicidio di Marta Russo: che fine hanno fatto Giovanni Scattone e Salvatore Ferraro

Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News
Leggi Anche  Giovanni Scattone: chi è l'assassino di Marta Russo, età, vita privata, carcere, moglie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *