Laura Ziliani: uccisa dalle figlie o incidente, mistero sul cellulare

Laura Ziliani è la protagonista di un caso di cronaca avvenuto nel nostro paese ed esattamente nella Valcamonica. La donna è scomparsa e poi stata ritrovata dopo diverti mesi di ricerche e pare che sia stata uccisa dalle sue figlie. Ma di cosa stiamo parlando e chi era Laura Ziliani?

Laura Ziliani, chi è la protagonista del caso di cronaca di cui tanto si sta parlando

La donna era scomparsa l’ 8 Maggio 2021 da Temù, un piccolo paese che si trova nella Val Camonica. Pare che l’ex vigilessa avesse 55 anni, fosse madre di tre figli e vedova dal 2012. Il marito era Enrico Zani e pare sia morta a 53 anni presso l’ospedale di Edolo dopo essere rimasto vittima di un incidente. Nello specifico pare che l’uomo fosse rimasto sotto una valanga mentre praticava scialpinismo. Dopo qualche tempo poi Laura si è rifatta una vita e lavorava nel comune di Roncadelle e si era fidanzata con Urago Mella. Viveva quindi a Roncadelle, insieme al compagno ed a una delle tre figlie.

La scomparsa e l’appello delle figlie

Secondo quanto riferito dalle figlie, pare che la donna fosse arrivata a Temù per dare aiuto proprio a quest’ultime nel rimuovere e la spazzatura presente in casa. In realtà le figlie la mattina dopo avrebbero dato l’allarme, non vedendo arrivare la madre con la quale pare avessero appuntamento. Secondo il racconto delle figlie, Laura pare fosse uscita alle 7 da casa per un’ escursione a piedi di cui tra l’altro pare fosse molto esperta e sarebbe dovuta tornare alle 10. La donna però non avrebbe fatto ritorno. Immediatamente sono partite le ricerche e purtroppo dopo oltre 8 giorni vennero sospese senza risultati. Il 25 marzo poi venne ritrovata nei pressi di un ponticello una scarpa da montagna che venne riconosciuta da una delle figlie.

Due figlie indagate per omicidio volontario e occultamento di cadavere

La donna venne poi ritrovata l’ 8 agosto senza nulla addosso e con il capo rasato. Non si sa effettivamente che cosa sia accaduto alla donna e si continua ad indagare. Ci sarebbe però un mistero relativo al cellulare dal quale Laura pare non si separasse mai. Questo venne ritrovato nell’abitazione di famiglia nella cantina dietro ad una cassapanca. Nello specifico ci sono iscritte nel registro degli indagati due delle tre figlie di Laura, ovvero la più grande di 27 e la minore di 19. Le due sono accusate di omicidio volontario e occultamento di cadavere.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *