Andrea, bimbo di 6 anni, muore a Sharm: “Ucciso da intossicazione alimentare, il papà in fin di vita”

20

Una famiglia palermitana stava vivendo un periodo di vacanza terribile a Sharm El Sheik, dove aveva programmato un soggiorno di due settimane.

Sharm El Sheik è stata teatro di una morte per avvelenamento da cibo di un bambino italiano di sei anni in vacanza con la famiglia a Palermo, in Sicilia. Mentre il padre, Antonio, è ricoverato in ospedale in gravi condizioni, il piccolo, Andrea Mirabile, pare sia morto per un’intossicazione alimentare. I siciliani dovevano soggiornare in una nota località turistica egiziana nella penisola del Sinai, tra il deserto e il Mar Rosso, ma la loro vacanza si è trasformata in un incubo una volta mangiato il cibo.

Secondo i parenti in Italia, la situazione sarebbe iniziata venerdì scorso. La famiglia ha mangiato del cibo e si è subito ammalata. Il padre, la madre e il bambino hanno manifestato i sintomi tipici di un’intossicazione alimentare, che però sono rapidamente peggiorati, tanto che il bambino e i genitori sono stati ricoverati in ospedale.

Anche dopo le cure, il bambino è morto a meno di 36 ore dal ricovero, mentre il padre è stato trasferito e ricoverato in terapia intensiva. La madre del bambino, anch’essa incinta e le cui attuali condizioni di salute non le consentono di viaggiare, si è ripresa. Si è trattato di un’intossicazione alimentare avvenuta venerdì scorso, ha dichiarato Roberto Manosperti, zio materno del piccolo. Antonio Mirabile, 46 anni, che lavora all’Anas, è stato ricoverato in terapia intensiva dopo essersi sentito male. “Mio nipote è morto nel giro di 36 ore dopo essersi ammalato venerdì. È una cosa comune in quella zona. Mio cognato, Antonio Mirabile, che lavora all’Anas, è in terapia intensiva”, ha detto ancora.

Il familiare ha raccontato che la famiglia è stata assistita in una clinica locale prima di essere rimandata nella propria stanza, dove le condizioni dell’uomo sono peggiorate al punto da richiedere il ricovero in ospedale. La famiglia dell’uomo chiede l’assistenza delle autorità italiane, in quanto l’uomo è grave e non può essere spostato, oltre al fatto che i funzionari sanitari in Egitto sono difficili da raggiungere per ottenere informazioni.

Mio cognato, che ha un livello di ossigenazione molto basso, non può lasciare il Paese, e mia sorella Rosalia Manosperti, che è incinta, è migliorata ma è ancora in Egitto. Oltre al fatto che ci sono pochissimi aggiornamenti, non ci sono bollettini medici. I medici sono restii a inviare i referti, perché c’è di mezzo l’assicurazione”, ha detto lo stesso uomo. Le autorità locali affermano che l’avvelenamento dei pasti non è responsabile dei decessi, così come le autorità. Il Ministero della Salute egiziano ha inviato ieri sera un inviato al dipartimento sanitario, che ha dichiarato di aver condotto per due volte esami tossicologici e di non aver trovato alcun veleno.

Il Ministero degli Esteri italiano, la Farnesina, si sta adoperando per far rientrare la famiglia di Andrea a Palermo, ma potrebbe essere necessario attendere i risultati dell’autopsia sul suo corpo. La procura locale ha aperto un’inchiesta e ha disposto un’autopsia per stabilire se gli operatori del resort siano stati negligenti. Non appena i genitori saranno dimessi, il bambino rimarrà in ospedale per consentire l’esecuzione dell’autopsia. Si valuterà se i genitori debbano rimanere lì o tornare in Italia, affermando che “continueremo a fornire la massima assistenza”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.