“Cosa mi hanno detto prima di andare sui binari”. Alessia e Giulia, morte a 15 e 17 anni investite dal Frecciarossa. Il racconto del testimone: “Una era disperata”

72

Due sorelle adolescenti, Alessia e Giulia Pisanu, sono morte dopo essere state investite da un treno ad alta velocità alla stazione di Riccione, a San Marino. Le due erano originarie di Castenaso. Gli inquirenti non sono ancora riusciti a stabilire con esattezza cosa sia successo durante l’incidente; si sa solo che le ragazze andando a scuola quando una di loro è stata derubata del cellulare e ha cercato di inseguire il ladro.

C’erano due ragazze sui binari, una con uno spolverino verde, l’altra con gli stivali neri. All’inizio quella con lo spolverino verde ha attraversato i binari, poi ha cercato di trascinare la compagna lontano dal pericolo. Ma non ha potuto fare nulla: le telecamere di sicurezza hanno ripreso le loro azioni ei testimoni le hanno viste sui binari e hanno urlato loro di mettersi in salvo.

Dice la sua anche la barista della stazione. “Verso le 7 sono entrate qui, era presto – dice al donna a CorriereTv – Hanno chiesto del bagno ma non lo abbiamo il bagno. Poi sono andate via, ho sentito il titolare gridare, ho alzato lo sguardo e ho visto il Frecciarossa arrivare e una delle due ragazze era seduta sui binari mentre l’altra cercava di farla alzare: poi è saltato tutto, tutto”.

Un altro uomo racconta: “Ero vicino al distributore delle bevande e si è avvicinata una ragazza bellissima vestita di nero, mi ha chiesto qualcosa, mi ha detto che le avevano rubato tutto e che non aveva più nulla. Poi si è allontanata verso l’altra ragazza che aveva uno spolverino verde e gli stivali in mano”. Il resto è noto. Non si sa se le due ragazze fossero alterate, di certo si tratta di un comportamento, che agli occhi di chi legge e ascolta le testimonianze, può sembrare insolito. Perché una delle due ragazze si è messa seduta sui binari? Possibile che fosse così disperata da non aver capito la gravità della situazione? Tutte domande alle quali purtroppo, forse, non si avrà mai risposta.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.