Ercolano, botte tra famiglie per lo stendino e il posto auto occupato: naso rotto e pugni in faccia

33

Quattro persone di due famiglie si sono azzuffate in via Pugliano. I carabinieri li hanno arrestati, ma hanno anche tentato di aggredirsi a vicenda alla stazione.

Lo stendino e il posto auto occupato in strada hanno provocato una rissa tra due famiglie di Ercolano, con due coppie che si sono prese a pugni e calci in faccia. Un uomo di 68 anni e un uomo di 62 anni hanno avuto la peggio nella rissa, che ha coinvolto due coppie di 40 e 35 anni, oltre a due anziani. La polizia ha evitato che la rissa degenerasse, ma le quattro persone arrestate hanno continuato a cercare di aggredirsi nella stazione di polizia. Una donna è rimasta ferita all’occhio destro e l’uomo ha riportato la frattura del naso. Per fortuna i Carabinieri sono riusciti a intervenire prima che la situazione peggiorasse.

La lite per lo stendino e il posto auto

Nella ricostruzione dei motivi alla base dell’azione dell’Arma, i militari hanno elencato diverse ragioni, tra cui uno stendino che dava fastidio e un’auto parcheggiata in un posto altrui. Quando i Carabinieri sono arrivati in via Pugliano, nel comune vesuviano di Veverano, si sono imbattuti in una rissa in stile wrestling. La polizia locale era già a conoscenza del conflitto tra i quattro uomini ed è intervenuta nuovamente ieri pomeriggio. Una coppia di famiglie, una coppia di coppie. Gli uomini hanno 40 e 68 anni, mentre le donne hanno 35 e 62 anni. Si sono azzuffati in strada.

Anche dopo l’arrivo della gazzella, i 4 hanno continuato a combattere e ci sono voluti molti sforzi per evitare che si uccidessero a vicenda. Anche in caserma i litiganti hanno tentato di aggredirsi a vicenda, e la coppia di anziani ha avuto la peggio, almeno secondo il 118. Guarito in sette giorni per una contusione all’occhio destro, l’uomo è stato tenuto in osservazione per la rottura del naso. I quattro imputati sono stati messi agli arresti domiciliari e in ospedale in attesa del processo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.