Hai capito chi è Memo Remigi? Età, moglie, figli, vita privata e tradimento


Dato che è salito per tre volte sul palco dell’Ariston al Festival di Sanremo, Memo Remigi è un cantante italiano molto conosciuto. Il suo vero nome è Emidio Remigi, cantante di fama internazionale. È noto per il suo talento e la sua passione per il canto fin dalla giovane età. Nonostante si sappia molto della sua professione, cosa sappiamo della sua vita privata? Ha figli, per esempio? Remigi è attualmente vedovo. Lucia Russo, purtroppo scomparsa lo scorso gennaio all’età di 82 anni, era la sua consorte. Scopriamo di più su di lei.

Memo Remigi chi era la moglie?

Memo Remigi ha detto che Lucia Russo, la sua defunta moglie, era una donna bella e intelligente durante un’intervista con Caterina Balivo su Vieni da Me. Lucia Russo è morta lo scorso gennaio a Varese, all’età di 82 anni. Un rapporto lungo e affettuoso, durato decenni, come ha dichiarato più volte lo stesso Memo Remigi. Ogni giorno andavo a trovarla a Milano in treno, e avevo paura della grande città, ma allo stesso tempo ero curioso”. Da queste dichiarazioni di Memo si può dedurre che egli abbia conosciuto Lucia Russo quando avevano 21 anni.

Come è nato l’amore tra Memo e Lucia

Sembra che i due si siano incontrati per la prima volta a Milano e che da questo incontro sia nata una delle canzoni più famose del cantante, “Innamorati a Milano”. Si sposarono nel 1962. “L’ho rubata a un avversario sul campo da golf e abbiamo avuto quattro figli e cinque nipoti, che vivono ancora tutti con noi dopo 53 anni. È stata il mio più grande amore, ma Lucia non è stata l’unica donna della sua vita”.

Le scappatelle ed i tradimenti del cantante

Secondo diverse interviste, sembra che Memo abbia confessato di aver avuto diverse relazioni, tra cui una con Catherine Spaak. Anche Barbara D’Urso sarebbe stata una delle amanti di Memo. Secondo il cantante, Barbara aveva 20 anni quando si sono incontrati per la prima volta, mentre lui aveva 39 anni. Lui avrebbe detto: “Era intelligente e l’ho educata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *