Kharkiv, il padre non lascia la mano del figlio 13enne ucciso in strada

25

Tre civili sono stati uccisi in un raid militare russo nel quartiere Saltivskyi di Kharkiv, in Ucraina. Una persona è rimasta ferita. Lo ha riferito via Telegram il capo dell’amministrazione militare regionale Oleh Syniehubov, scrive Ukrinform. E la foto straziante del padre del bambino ucciso nel raid, inginocchiato accanto al figlio morto, è diventata virale. L’uomo stringe la mano senza vita del figlio di 13 anni, piangendo. Il ragazzo, colpito da un cecchino, è morto sul colpo. A un certo punto arriva una poliziotta, con casco e giubbotto antiproiettile, che cerca di consolarlo tenendogli la mano. Tra i feriti c’è anche la figlia maggiore dell’uomo, di 15 anni. L’uomo stava aspettando con i suoi due figli l’autobus alla fermata vicino alla moschea.

“Il persistere della guerra continua a mettere sempre più a rischio la vita dei bambini ucraini, intrappolati e sfollati nel paese, o rifugiati in quelli di arrivo”. Questa la denuncia di Unicef.

“Oltre 15,4 milioni di persone sono in fuga, in maggioranza madri e bambini, considerando oltre 6,3 milioni di sfollati in Ucraina e 9,1 milioni di rifugiati nei paesi limitrofi. Sono inoltre più di 3 milioni i minori in Ucraina e 2,25 milioni i minori rifugiati nei paesi d’arrivo che hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria”, dichiara Andrea Iacomini, portavoce dell’Unicef in Italia.

“Sono almeno 11.544 le vittime civili – aggiunge – tra cui 5.024 persone uccise e 6.520 ferite, di cui quasi 1000 minori: 343 i bambini uccisi e 533 feriti ad oggi, con il numero reale verosimilmente molto più alto”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.