La nonnina va in ospedale e la sua casa viene occupata abusivamente

27

È una storia che commuove chiunque. Tre persone, due uomini e una donna, hanno subito approfittato di lei per un mese intero. Per oltre 20 giorni tutti i suoi averi sono stati depositati nell’appartamento perché non aveva in casa qualcuno che se ne occupasse. I suoi mobili sono stati spostati da sconosciuti e poi abbandonati al loro posto dagli operai del Comune, quando finalmente l’anziana signora è potuta tornare a casa.

L’allarme dai vicini di casa

I vicini della donna hanno dato l’allarme quando si sono accorti che nella sua casa abitano strane persone, dopo alcune settimane. È intervenuta la polizia, che ha fatto irruzione nelle stanze e ha scoperto gli abusivi. E che ha trovato anche 15 grammi di stupefacenti e diversi armi da taglio, che sono state immediatamente sequestrate.

L’occupazione abusiva e il subaffitto

L’anziana donna, il cui appartamento era occupato illegalmente prima dello sfratto di oggi, potrà finalmente tornare a dormire nell’appartamento di sua proprietà. Ha lasciato l’appartamento per cure ospedaliere e quando poi è stato subaffittato illegalmente da una coppia.

Le occupazioni abusive sono un problema nelle case popolari in Lombardia e altrove. A Milano è più evidente che mai. Qui, negli alloggi Aler, gli abusivi sono passati da 2589 a 3136 solo negli ultimi otto anni. E a Milano ci sono 3.750 casi abusivi (di cui più di tremila sono Aler).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.