Morso da serpente a sonagli mentre pedala in bici col padre, muore bimbo di 6 anni

16

Un serpente a sonagli ha morso il piccolo Simon Currat, uccidendolo mentre era in bicicletta con il padre e la sorella in un parco.

Mentre andava in bicicletta con il padre e la sorella minore, un bambino di sei anni è stato morso mortalmente da un serpente a sonagli emerso improvvisamente dall’erba a Colorado Springs, il capoluogo e la città più popolosa della contea di El Paso negli Stati Uniti.

Tutti hanno sperato fino all’ultimo che un bambino si riprendesse e si risvegliasse dopo cinque giorni di sofferenza in ospedale, dove è stato dichiarato morto di recente. Il piccolo Simon Currat è stato morso da un serpente lo scorso 5 luglio durante un giro in bicicletta con il padre Nic Currat e la sorellina di tre anni fuori Colorado Springs, in Colorado, e da allora è stato collegato alle macchine di supporto vitale.

A causa della sua voglia di avventura, il bambino era davanti alle altre tre biciclette quando è avvenuto il morso del serpente. Aveva guadagnato qualche metro su di loro quando improvvisamente ha urlato “Serpente”, poi ha perso conoscenza ed è svenuto. Simon è corso avanti per esaminare un cartello sul sentiero che stavano percorrendo”, ha raccontato il padre con simpatia, “poi è caduto a terra ed è diventato blu”. Secondo i membri della famiglia, questo è ciò che è accaduto.

In preda al panico, il padre è corso a cercare aiuto dopo che il figlio ha avuto un attacco di cuore. È stata allertata una vicina stazione dei vigili del fuoco e il bambino è stato trasportato in aereo in un ospedale vicino. Dopo venti minuti di arresto cardiaco, il bambino è stato trattato con l’antiveleno in un ospedale locale prima di essere trasferito al Children’s Hospital di Colorado Springs, dove tutti gli sforzi per salvarlo sono stati vani. Le condizioni del bambino sono peggiorate fino alla sua morte, che ha sconvolto la comunità locale. Si ritiene che il morso di un serpente a sonagli abbia ucciso Simon, il primo bambino morto in oltre dieci anni.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.