Olena, la donna ucraina diventata il simbolo della guerra riacquista la vista e ora insegna ai bimbi

27

Olena Kurylo ha dichiarato di provare molto amore ed empatia per i bambini e di volerlo condividere con loro. Ha detto che i bambini le fanno provare la stessa gioia che provava all’inizio della guerra.

Quei terribili momenti in cui è stata ferita sono diventati uno dei simboli della guerra in Ucraina e dell’invasione russa, grazie alle immagini del suo volto fasciato e sanguinante che hanno fatto il giro del mondo. Ora Olena Kurylo sta cercando di riprendersi la sua vita ed è tornata a insegnare, anche se si è rifugiata in Polonia.

Una donna di 52 anni, per metà russa, è scampata a un attacco aereo il giorno dopo l’inizio dell’invasione, quando la sua casa e il suo edificio sono stati distrutti a Kharkiv, in Ucraina. Le schegge di vetro l’hanno ferita al volto, ma hanno danneggiato soprattutto l’occhio destro.

All’inizio di agosto, la fotografia di una giovane donna, insanguinata e fasciata, che viene aiutata ad uscire da una città ucraina per rifugiarsi in Polonia, divenne una delle più famose della guerra e apparve ovunque. Olena Kurylo, che successivamente attraversò il confine e arrivò a Katowice, nel sud della Polonia, fu operata da medici polacchi che le salvarono l’occhio. Ora, tre mesi dopo l’operazione, ha iniziato a lavorare come insegnante volontaria.

Nonostante abbia ancora problemi di vista e future operazioni, la 52enne ha iniziato a tenere corsi d’arte per i bambini ucraini rifugiati in Polonia dopo una difficile operazione che le ha restituito parzialmente la vista. A causa del disturbo da stress post-traumatico e delle ferite al volto, Olena Kurylo è stata ferita dopo l’aggressione. Nonostante questo, vuole tornare alla sua vita. “Desidero tornare a casa, ma dubito che tornerò a meno che le cose non migliorino, e anche se migliorassero, potrei vivere nell’ovest dell’Ucraina”, ha detto.

Vivendo così lontano da casa in Polonia, ha detto, riesce a sfuggire ai suoi terribili pensieri sulla guerra e a trovare gioia nell’insegnare ai bambini (The Times, 2019). Ha rivelato di avere molto amore ed empatia dentro di sé e di volerla condividere con i bambini. Dall’inizio della guerra non ha più provato lo stesso tipo di gioia che prova quando insegna ai bambini.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.