Rapita e uccisa mentre andava a scuola: 40 anni dopo l’ex vicino di casa incastrato dal Dna

23

Anne Pham è scomparsa nel 1982. Quel giorno la bambina avrebbe dovuto recarsi a piedi all’asilo, ma non arrivò mai. Il suo corpo fu scoperto pochi giorni dopo in una base militare, dove era stata rapita e uccisa. Dopo 40 anni, le autorità sono riuscite a identificare l’uomo che l’ha rapita e uccisa come un ex vicino di casa, ora 70enne, che avrebbe abusato di lei e poi l’avrebbe strangolata.

In una mattina di tutti i giorni del 1982, Anne Pham Pham, 5 anni, uscì dalla sua casa in California per andare a scuola. La minore, tuttavia, non è mai arrivata in classe e il suo corpo è stato ritrovato diversi giorni dopo la sua uscita. Solo oggi le forze dell’ordine locali sono riuscite a chiarire il caso di omicidio, grazie ai campioni di DNA. La bambina sarebbe stata rapita e uccisa da Robert John Lanoue, residente in Nevada.

Un uomo che vive nei pressi di North Bluff Road, nella contea di Washoe, è ricercato con l’accusa di omicidio di primo grado e rapimento di primo grado in relazione allo strangolamento di Kathy Scott, una bambina di 5 anni, avvenuto nel 1982. Secondo la polizia, l’uomo ha attirato la bambina lontano da casa sua, l’ha presa con la forza, l’ha chiusa nella sua auto e l’ha portata in un luogo isolato, dove l’ha presumibilmente violentata e poi strangolata. Il suo corpo è stato ritrovato su una postazione dell’esercito nella baia di Monterey.

La polizia non è riuscita a scoprire cosa sia successo alla bambina di 5 anni prima di sette giorni fa. L’uomo, un 70enne residente in Nevada, è stato identificato grazie a un campione di DNA prelevato dal corpo della vittima. Nel 1982 Anne Pham viveva a pochi isolati da Lanoue. I genitori di Anne Pham conoscevano l’uomo, che all’epoca aveva 29 anni: lo avevano visto in diverse occasioni trascorrere del tempo con la famiglia e prendersi cura in particolare di Anne Pham.

Grazie alle nuove tecnologie nel campo dell’analisi del DNA, le autorità sono riuscite a risolvere il caso. Utilizzando le nuove tecnologie nel campo dell’analisi del DNA, le autorità hanno riaperto casi irrisolti per risolvere questo. Grazie alle nuove tecnologie nel campo dell’analisi del DNA, le autorità hanno riaperto casi irrisolti per risolvere questo. Gli agenti hanno raccolto campioni nel corso degli anni e l’uomo è stato inchiodato alle sue responsabilità grazie alle nuove tecnologie, confrontando il campione con quelli raccolti nel corso degli anni. Il 6 luglio, l’uomo è stato arrestato nella sua casa in Nevada, con l’accusa di abuso di minore e omicidio. Secondo la polizia, l’8 giugno era stato arrestato anche per violazione degli arresti domiciliari. Secondo le informazioni delle forze dell’ordine, l’uomo ha numerosi precedenti penali.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.