Sapete chi è Antonio il padre di Luigi di Maio


Controcopertina è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, al centro di numerose polemiche, è stato accusato di abusare del suo potere politico per fini personali. Luigi Di Maio è figlio di Antonio Di Maio, un imprenditore molto conosciuto nella sua città natale prima che il figlio diventasse vicepresidente. Alcune fonti sostengono che Di Maio Sr. abbia fatto lavorare per lui degli operai edili senza pagarli, o pagandoli meno di quanto stabilito nei loro contratti.

Di Maio nega queste accuse e dice che lascerà che la giustizia faccia il suo corso; tuttavia, fino ad allora sarà difficile per sfuggire a queste accuse, dal momento che vengono riportate così frequentemente dalle notizie.

Antonio Di Maio è il socio in affari di Paolina Esposito e gestisce la loro impresa Ardima Costruzioni. Negli anni ’80, quando il figlio Luigi era ancora bambino, Antonio tentò di farsi eleggere al consiglio comunale di Napoli; tuttavia, quelle elezioni non ebbero esito positivo.

Per questo motivo, secondo alcune dichiarazioni rilasciate da Luigi Di Maio a L’Espresso, il padre non sarebbe stato contento della discesa in politica del figlio. Tuttavia, tra i due ci sono alcuni attriti legati proprio a presunte questioni di lavoro nero all’interno dell’azienda di famiglia. “C’è stato un periodo della mia vita in cui non avevo rapporti con mio padre”, ha detto Luigi Di Maio in un programma televisivo intitolato Le Invasioni barbariche. “Non c’era un buon rapporto [con lui] – ve lo dico con il cuore.

E con mio padre c’è stata una fase di blackout perché non condividevo alcuni suoi modi». E riguardo alle ultime polemiche sulla gestione del lavoro all’interno dell’azienda: «Spero che tutto sia in regola. Sono andato avanti nella convinzione che nell’azienda si rispettassero tutte le regole. Ora sono io che devo chiedere spiegazioni a mio padre».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.