Studi recenti riflettono che l’olio d’oliva può prevenire problemi cardiaci e di Alzheimer

Indubbiamente, questo frutto vegetale derivato dall’olivo e grazie alle sue molteplici proprietà per la salute, è uno dei preferiti da diversi medici e nutrizionisti per la raccomandazione del suo utilizzo. Originariamente era raccomandato esclusivamente per combattere l’obesità ed essere il sostituto di burro, creme e diversi grassi lattiero-caseari.

Nuova scoperta

Recentemente una nuova ricerca ha determinato che le persone che consumano notevoli quantità di olio d’oliva hanno meno rischi di sviluppare malattie con alti gradi di complicanze come cardiovascolare, Alzheimer e, peggio ancora, cancro.

I dati sono stati pubblicati dal Journal of American College of Cardiology (JACC). Per lo studio, sono state analizzate 60.582 donne e 31.801 uomini dello studio sulla salute degli infermieri e dello studio di follow-up dei professionisti della salute.

È importante notare che tutte le persone che hanno partecipato allo studio non hanno sofferto di nessuna delle malattie analizzate. Un’altra particolarità della ricerca è che il processo è durato 28 anni e ogni partecipante ha dovuto pesare una volta ogni quattro anni.

Nel corso del tempo gli scienziati hanno confrontato la quantità di consumo giornaliero di ogni persona rispetto all’olio d’oliva, al burro e al burro.

Risultati

La maggior parte dei medici per molto tempo ha dubitato che i partecipanti avrebbero effettivamente preferito l’olio d’oliva nella loro dieta rispetto ad altri grassi lattiero-caseari, tuttavia, il risultato finale è stato sorprendente per tutti.

È stato evidenziato che le persone consumavano più olio d’oliva, passando da circa 1.6 grammi al giorno in 1990 a circa 4 grammi al giorno in 2010. L’uso di margarina è stato ridotto durante quel periodo da 12 grammi al giorno nel 1990 a 4 grammi al giorno nel 2010.

È stato anche scoperto che coloro che consumavano quantità più elevate di olio d’oliva al giorno (9 grammi) avevano un rischio inferiore del 19% di morire di malattie cardiovascolari, il 29% in meno di morire di una malattia neurodegenerativa come l’Alzheimer, il 18% in meno di morire di una malattia respiratoria e il 17% in meno di morire di cancro.

A differenza dei benefici dell’olio d’oliva, le persone che usavano 10 grammi al giorno di grassi come margarina, burro, maionese e grasso da latte per l’olio d’oliva avevano fino al 34% in meno di rischio di morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.