Carey Mulligan: Hollywood è sessista

Carey Mulligan, protagonista del film Suffragette, esprime indignazione sull’industria cinematografica, giudicandola sessista

Carey Mulligan, protagonista insieme a Meryl Streep del film Suffragette, attacca l’industria cinematografica definendola “sessista”.

“Abbiamo un cinema sessista. Io penso che storie di donne come questa (n.b. si riferisce al film Suffragette)siano numericamente incalcolabili. Sono cadute nel dimenticatoio, io credo che tante persone si siano sedute negli uffici e abbiano ritenuto che non fosse economicamente conveniente raccontarle. Non è stato un caso.”

Il film Suffragette racconta la storia del movimento femminista e della lotta per il voto alle donne, Meryl Streep interpreta il ruolo di Emmeline Pankhurst, mentre Carey Mulligan è la casalinga Maud. Nel cast anche Brendan Gleeson ed Helena Bonham Carter.

Carey Mulligan si è presa una pausa dal grande schermo durata diciotto mesi, dopo aver recitato nel film Il grande Gatsby, tratto dall’omonimo romanzo di Scott Fitzgerald, e successivamente in “A proposito di Davis” (2013).

“Non c’era niente di interessante per cui lavorare. In questo mestiere o giungi a compromessi, accettando ruoli che non ti piacciono, o aspetti. Io sono stata abbastanza fortunata da avere ruoli importanti nella prima parte della mia carriera e mi posso permettere di aspettare. Ma questa è una posizione privilegiata, non tutti possono permetterselo.”

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*