Charlotte Casiraghi risplende la ballo glamour del principato

0

Chi sperava in pubbliche presentazioni come accadde nel 2013 quando al Ballo della Rosa di quell’anno arrivò al braccio di Gad Elmaleh, dal quale già aspettava Raphael, è rimasto deluso. All’edizione numero 63 del tradizionale gala di beneficenza del Principato, Charlotte Casiraghi si è presentata sola, preferendo così non alimentare i rumors sul legame sentimentale con Dimitri Rassam. Lui, lo ricorderete, è il produttore cinematografico francese, primogenito della grande attrice Carole Bouquet, con cui abbiamo sorpreso la scorsa settimana la figlia della principessa Caroline di Hannover.

Una eccezionale esclusiva rimbalzata sui giornali di tutta Europa, nella quale vi mostravamo gli spostamenti della coppia tra Parigi e la residenza di Charlotte a Bar- bizon, appena fuori dalla capitale francese, durante un lungo weekend di intimità. Lui, che nel 2010 aveva sposato a San Pietroburgo la modella russa Masha Novoselova, da cui ha avuto una bimba, Daria, che ora ha sei anni, mostrava l’anulare sinistro senza anello nuziale, simbolo di libertà sentimentale. Charlotte, dopo l’addio al regista Lamberto Sanfelice, è single da tempo. Ci sono insomma tutti i presupposti per un nuovo amore, ma per l’ufficialità occorrerà pazientare.

Seppur sola, Charlotte ha comunque illuminato l’annuale ballo organizzato da sua madre, che alla figlia ha passato un abito Chanel indossato 15 anni fa al Nijinsky Award e che ha sottolineato la straordinaria somiglianza tra le due. Caroline, fedelissima alla maison francese da anni, anche stavolta ha optato per una creazione di Karl Lagerfeld. Il kaiser della moda, anche regista dell’evento, ha pensato per la sua musa a un abito dalla linea eccentrica e sfavillante, con volant irregolari in bianco e nero, chiaramente ispirato alle opere del maestro Gustav Klimt, il più grande esponente dell’Art Nouveau, fil rouge della serata.

L’evento si è tenuto come di consueto nella Salle des Etoiles dello Sporting di Montecarlo e i 900 ospiti paganti – 800 euro a persona devoluti come da tradizione alla fondazione intitolata alla principessa Grace – sono stati accolti, intorno alle 20, con un aperitivo: sui vassoi sono passati leggeri Kir al limone e flutes di champagne. Nel salone addobbato per l’occasione da 14 mila rose rosse, esattamente un’ora dopo ha fatto il suo ingresso la principessa Caroline accompagnata da due dei suoi quattro figli, Charlotte appunto e Pierre, felice accanto alla moglie Beatrice, vestita da un morbido abito nero di Alberta Ferretti che sapientemente mascherava le forme del dopo gravidanza: entrambi erano alla loro prima uscita pubblica dopo l’arrivo del figlio Stefano Ercole Carlo, nato il 28 febbraio.

Normale, dunque, che la nipote della mitica Marta Marzotto abbia abdicato al ruolo di bellezza travolgente della serata, corona che per più di un’edizione le è stata conferita: come dimenticare lo sfarzoso abito rosso fuoco di Giambattista Valli indossato lo scorso anno che la rese irresistibile? Questa volta, invece, gli occhi erano tutti per Charlotte che comparendo accanto alla madre ha messo in chiaro chi sarà, negli anni a venire, l’animatrice del Ballo della Rosa. Certo la secondogenita della principessa dovrà trovare ogni anno come la madre il tema giusto e affidarsi a una sapiente regia che sappia trasformare l’evento in un capolavoro di unicità. Anche in quest’edizione, infatti, la scaletta della serata ha rasentato la perfezione. A partire dal menu: entrée a base di caviale, a seguire rombo e, per finire, un raffinato dessert con fave di cacao. Poi è stata la volta della tradizionale lotteria che ha messo in palio nove premi da favola, da un viaggio in jet privato a Venezia a gioielli della maison Repossi. Alle 23, la serata danzante è stata aperta dalla cantante Imany e Charlotte ha rotto ogni indugio inaugurando i balli con le sue amiche del cuore, tra le quali l’attrice Juliette Maillot.

Una nottata divertente e tutto sommato poco formale, visto che i principi Alberto e Charlene hanno dato forfait. Motivazione ufficiale: il sovrano, che modernità!, era a Palazzo a occuparsi delle piccole pesti Jacques e Gabriella mentre la consorte si trovava in Austria come ambasciatrice delle Olimpiadi per disabili, uno dei tanti eventi benefici che riempiono la sua agenda. L’assenza dei sovrani al Ballo della Rosa, a ben vedere, non è affatto una novità.

È vero, dal 2008, quando Charlene era ancora la fidanzata (lei e il principe si sono sposati nel 2011), al 2015 la coppia ha disertato la Rosa solo nell’anno delle nozze, quando la scomparsa della zia Antoinette, sorella di Ranieri III, impose al principe un periodo di morigeratezza. Da quando sono nati i gemellini, dicembre 2014, Alberto e Charlene non si sono però più visti, preferendo presenziare al solo Ballo della Croce Rossa di giugno.
Ma non va dimenticato che nella spartizione della mondanità monegasca, affinché Charlene non oscuri Caroline e viceversa, il ballo di primavera è tradizionalmente appannaggio della sorella di Alberto, non solo come oneri organizzativi ma anche come onori dei flash. Forse anche per rendere omaggio alla memoria di Grace, cui il Ballo della Rosa è storicamente legato, di cui solo Caroline è in fondo la vera erede.

Loading...
SHARE