Ericsson ed Apple risolvono disputa sui brevetti, più di 500 milioni di euro andranno nelle casse della Ericsson

Ericsson firma accordo sui brevetti con Apple, un affare da centinaia di milioni di euro

Ericsson ed Apple hanno finalmente concluso una disputa su un brevetto, riguardante la tecnologia che permette a tablet e smartphone di collegarsi alla rete internet. La disputa è durata circa un anno e ha abbracciato la corte federale degli Stati Uniti, la International Trade Commission, e comprendeva inoltre azioni legali in Olanda in Germania e nel Regno Unito.
I termini finanziari esatti dell’accordo non sono stati resi noti, ma secondo i termini raggiunti la Apple si impegnerà ad effettuare un pagamento una tantum ad Ericsson e pagherà anche le royalties sui brevetti ancora in corso. La compagnia svedese ha fatto sapere tramite un comunicato stampa che le stime su guadagni, ottenute dal brevetto, si aggirano tra i 4 ed i 5 miliardi di corone svedesi quest’anno, corrispondenti a poco più di 500 milioni di euro. Le azioni della Ericsson di conseguenza saliranno di circa il 4 per cento.
ericsson-apple


“Siamo soddisfatti di questo nuovo accordo con Apple, che apre la strada a entrambe le aziende per continuare a concentrarsi sul portare le nuove tecnologie per il mercato globale, e si aprano per maggiori opportunità di business comuni nel futuro”, ha dichiarato Kasim Alfalahi, che occupa il ruolo di Senior Vice President and Chief Intellectual Property Officer alla Ericsson.

La disputa tra le due aziende per l’oneroso brevetto è iniziata nel mese di gennaio, dopo un precedente accordo di licenza per quanto riguarda i brevetti di Ericsson scaduti. La Apple si era già presentata in tribunale, chiedendo al giudice federale di dichiarare che i brevetti della Ericsson relativi al LTE (evoluzione a lungo termine) di serie non sono validi. Le innovazioni di Apple sono “il risultato di anni di duro lavoro da parte degli ingegneri Apple, dei progettisti e dei miliardi di dollari di ricerca e sviluppo di Apple, e che non hanno nulla a che fare con i brevetti di Ericsson”, aveva dichiarato in tribunale un portavoce della Apple all’inzio della vicenda.
La società svedese di telecomunicazioni è uno dei titolari di brevetti più grandi al mondo, con circa 37.000 brevetti in varie nazioni. Nel 2013, ha venduto circa 1.700 brevetti alla Unwired Planet, una società anch’essa detentrice di brevetti, che con una grande manovra giudiziaria ha citato a giudizio la Apple, Google e Blackberry.
La Ericsson aveva riposto nel mese di gennaio durante una seduta in un tribunale distrettuale degli Stati Uniti, che la licenza di Apple per utilizzare la tecnologia sviluppata dalla società svedese era scaduta, e che nonostante due anni di negoziati, non si era raggiunto un nuovo accordo.

Adesso c’è l’accordo, la Apple verserà la somma per le spese legale e per il diritto sui brevetti alla Ericsson. Ma chissà se le due compagnia porteranno avanti nel futuro ulteriori affari, anche se sembra difficile altrimenti, considerato il numero esorbitante di brevetti nel portafoglio della compagnia a bandiera svedese.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *