Fabriano schok tragedia in asilo nido: Bimba di soli 4 mesi morta in culla

Fabriano, tragedia all’asilo nido: trovata morta bimba di 4 mesi Secondo una prima ricostruzione, la piccola stava dormendo dalle 9 del mattino e a mezzogiorno l’educatrice ha provato a svegliarla per darle il biberon. Poi la scoperta drammatica: la piccola non respirava più“

Una brutta disgrazia è avvenuta in un’asilo nido di Fabriano nella cittadina di Ancona presso l’asilo nido fantaghirò, alle 11:30 di questa mattina, gli addetti avrebbero rivelato che una delle bimbe ospite giaceva morta all’interno della culla in questo argomento. La piccola, di soli quattro mesi, ha perso la vita per effetto della sindrome della morte in culla, questo stando ai primi rilievi effettuati.

I tentativi di rianimare la bambina da parte degli addetti all’asilo nido sono stati in vani ed a nulla è servito a chiamare i soccorsi: i medici dell’ambulanza sono arrivati ma per la piccola non c’era più nulla da fare. Tuttavia la causa della morte della bambina di soli quattro mesi è stata accertata, ma, gli inquirenti hanno camminato una serie di indagini per non lasciare nulla al caso. Oltre all’ipotesi della morte in culla inquirenti non escludono che la piccola possa essere stata bersaglio di un altro malore.

Stando al racconto delle operatrici dell’asilo nido, nomina sarebbe stata trovata già morta. La piccola non si sarebbe difatti risvegliata prendere il latte dal biberon e da quell’istante sarebbero scattati gli allarmi e la chiamata alle forze dell’ordine.

La sindrome della morte improvvisa del lattante nota anche come sindrome della morte improvvisa infantile o morte inaspettata del lattante oppure in terminologia comune “morte in culla” (in inglese Sudden Infant Death Syndrome o SIDS) è un fenomeno che non trova ancora alcuna spiegazione presso la comunità scientifica.

Si manifesta provocando la morte improvvisa ed inaspettata di un lattante apparentemente sano, la morte resta inspiegata anche dopo l’effettuazione di esami post-mortem.

La sindrome colpisce i bambini nel primo anno di vita ed è a tutt’oggi la prima causa di morte dei bambini nati sani.

Ha avuto un’incidenza dello 0,5 per mille circa nel 2011 (23 bambini sotto i 5 anni, l’1,3% dei decessi totali nel periodo di riferimento)

I dati riguardanti gli anni 2004 – 2011 della regione Piemonte riportano un dato medio di mortalità per SIDS dello 0,09 per 1000.

Talvolta, se soccorsi prontamente, alcuni neonati, vittime apparenti di SIDS, possono essere rianimati; in questo caso si parla di “near miss SIDS” e vi è comunque un altissimo rischio di lesioni cerebrali permanenti dovute a anossia con conseguente possibile disabilità.

Dramma questa mattina in un asilo nido di Fabriano, dove una bambina di quattro mesi è morta.

Le cause del decesso della piccola sono in corso di accertamento. Sul posto si sono portate le ambulanze del 118 ma per la bimba non c’era purtroppo più niente da fare. Indagano i carabinieri. Stando ai primi accertamenti, si sarebbe trattato di una morte in culla avvenuta durante il sonno senza una causa evidente. La bambina stava dormendo dalle 9 del mattino e quando verso mezzogiorno l’educatrice ha provato a svegliarla per darle il biberon preparato dalla mamma la piccolo non dava segni di vita e qualsiasi tentativo di rianimarla è stato inutile.

Il pm di Ancona Andrea Laurino ha disposto l’autopsia. I genitori della bimba lavorano alla Whirlpool, secondo notizie in possesso del sindaco, e hanno un’altra figlioletta di 3 anni che frequenta lo stesso asilo. Da un primo esame sul corpicino sembra che la bimba avesse le vie respiratorie libere e che non sia morta per un rigurgito. la culla, inoltre, aveva un materasso antisoffoco.

Il sindaco di Fabriano esprime «grande cordoglio, a nome della comunità e personale» alla famiglia della bimba di 4 mesi trovata questa mattina morta nel sonno in un asilo nido. «È veramente una tragedia che sconvolge tutta la città, usare le parole è difficile», ha aggiunto Sagramola. Da quel che si sa, la bimba dormiva da circa un’ora quando le operatrici del nido, un’ottima struttura, tiene a precisare Sagramola, hanno cercato di svegliarla per farle prendere il biberon, scoprendo che ormai non respirava più.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *