ISIS: legano spia della Libia ad un furgone e la trascinano per strada

Nuovo scioccante video dell’ISIS in Libia: spia, condannata a morte, viene legata e trascinata con un camion lungo una strada

ISIS ha rilasciato un nuovo scioccante video che mostra il trattamento che viene riservato a tutti coloro che pensano di poterla fare franca.
Il filmato girato in Libia mostra un uomo, ritenuto essere una spia, che viene legato tramite una corda alla parte posteriore del camion, che si muove ad alta velocità lungo una strada della città di Derna, finendo con l’uccidere l’uomo legato ai piedi per le terribili ferite subite.

L’ISIS ha agito come di consueto, facendo indossare alla vittima la consueta tuta arancione, progettato per copiare le stesse divise che indossavano i prigionieri a Guantanamo.

Il video è – cui sconsigliamo vivamente la visione a tutti i deboli di stomaco e ai minori – inizia mostrando un uomo di mezza età con la barba lunga ed i capelli corti.
Le mani sembrano essere state legate dietro la schiena e sembra inoltre chiedere pietà prima di essere legato al veicolo, per la brutale punizione.

Il video continua mostrando poi l’uomo mentre viene trascinato lungo una strada principale, intanto la sua schiena e le braccia vengono esposte all’asfalto durante l’ordalia, che gli provoca laceranti abrasioni a causa dell’alta velocità.

Dietro il camion principale vi sono sono diversi veicoli bianchi, che osservano la lenta morte dell’uomo come se fossero tutti ad un festoso corteo

Sembra quasi che i vari gruppi distaccati dell’ISIS tra gli stati del Medio-Oriente e quelli dell’Africa facciano a gara tra loro a chi trova il modo più orrendo e visivamente disturbante per dare la morte ai propri nemici. Una sfida di brutalità che forse non troverà mai fine.

L’ISIS continuare a tenere sotto controllo alcune regioni isolate parti de territorio della Libia, contendendo le restanti zone al governo libico mal organizzato e poco supportato dalle forze straniere.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*