Home » Varie & Avariate » Ispettore di polizia minaccia: “Se entro in Parlamento sistemo io tutti i delinquienti”

Ispettore di polizia minaccia: “Se entro in Parlamento sistemo io tutti i delinquienti”

polizia autoEpisodio davvero curioso quello avvenuto all’interno della trasmissione radiofonica “La Zanzara” su Radio 24. Il contenitore, condotto dalla coppia di giornalisti formata da David Parenzo e Giuseppe Cruciani è già noto per essere uno spazio informativo diverso dagli altri, con una connotazione ben precisa. A rendere ancora più affascinante la puntata de “La Zanzara”, ci ha pensato un ispettore di polizia della Provincia di Como: “Sono molto deluso da tutto, anche dal popolo italiano” – ha affermato l’ispettore -“siamo stati fregati da noi stessi perchè noi andiamo a votare questi delinquenti”. Poi la dichiarazione schock: “Io ho un porto d’armil’arma di ordinanza, due caricatori con quindici colpi, un fucile a pompa con un centinaio di colpi, una katana, visto che sono anche maestro di karate. Io andrei a Roma, entro in Parlamento, metto la sbarra, sistemo tutti. E son sicuro così di sistemare l’Italia”. Mario, questo il nome dell’ispettore bergamasco, ha poi continuato: “Ho fatto già quarant’anni di servizio e grazie a loro non vado in pensione perchè per due settimane rientro nel decreto Monti. Se entro in Parlamento” – ha aggiunto – “comincio a sparare a destra e a sinistra. Una volta che son dentro tutti, chiudo le porte e non faccio uscire più nessuno, eh

Fonte: Il Fatto Quotidiano.it
Loading...

Altre Storie

“Ho preso una sigaretta da un alieno”: Cannabis shock, bambino ricoverato grave intossicazione

E’ accaduto a Milano, dove un bambino di 7 anni è risultato intossicato dalla cannabis. La notizia …

4 comments

  1. PAROLE PAROLE PAROLE ! PAROLE PAROLE PAROLE !

  2. Solo parole !!! La polizia è serva dello stato !!!! Sono curiosa di seguire il resto della storia !!!

  3. beh 130 colpi sarebbero un po’ pochi mario 🙂

  4. Zoff Gentile Cabrini

    Be’…lo faccia, allora.
    Verrà venerato nei secoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *