Home » Politica & Feudalesimo » La casta che ruba senza pietà, esponente di Fli spiega come!
Umberto Croppi, esponente di Fli

La casta che ruba senza pietà, esponente di Fli spiega come!

Umberto Croppi, esponente di Fli

Siamo sempre concentrati sulla casta dei ministri e dei parlamentari. Facciamo bene, perché vanno assolutamente tenuti sotto controllo. Ma c’è un’altra casta, quella dei politici locali, capace di fare altrettanti danni.

Premessa doverosa: non sono tutti ladri, per fortuna. Ma i ladri sono troppi e raramente qualcuno degli onesti ha il coraggio e la rettitudine morale di denunciare il marciume che divora il nostro paese a partire dagli enti locali.

Umberto Croppi, esponente di Fli, già assessore di Roma nella giunta Alemanno, spiega alla tv del Fatto Quotidiano quali trucchi vengono utilizzati dai consiglieri comunali per aumentarsi il già lauto compenso.

“Quando il consigliere comunale o municipale viene eletto si prende la residenza in comuni distanti dal capoluogo per prendere il rimborso chilometrico. Rimborsi che – spiega Croppi – vengono commisurati al numero di riunioni a cui si partecipa e questo produce l’aumento di commissioni e del numero di riunioni, spesso inutili”. L’altro metodo truffaldino usato è quello farsi assumere da un’azienda dopo l’elezione così che lo Stato possa pagare l’azienda stessa per le ore non lavorate in base all’impegno pubblico.

Croppi ha detto che la sua uscita dalla Giunta guidata da Gianni Alemanno è dipesa anche da questi motivi: “La mia uscita dalla giunta Alemanno coincide con la parentopoli. Il Sindaco alla fine è rimasto succube delle pressioni dei gruppi dell’equilibrio interno al consiglio comunale che è dettato da logiche di questo tipo”.

Loading...

Altre Storie

Richiamato lotto di porchetta di Ariccia Igp per rischio microbiologico

Ma negli ultimi giorni è nato l’allarme sul prodotto sottovuoto a marchio Fa.Lu.Cioli… Sul sito del …

2 comments

  1. Nessuno dice niente perchè nessun amministratore pubblico ha la coscienza a posto.
    Se tu denunci me io denuncio te.
    Capito perchè c’e tanta voglia di entrare in politica?

    • C’E’ una cosa che mi dovreste piegare .- In banca ho il conto corrente . quando verso un assegno di altri : valuta immediata ed il capitale dopo tre o sette giorni.-

      con ogni altra procedura di questo governo . Non manca che la GDF.”Becca” ai confini esportatori dei denari . Euro . nei capitali fiscali .-

      Questi denari non hanno corso legale . e non hanno il capitale del sostentamento dell’euro In Italia od altro stato dell’euro.-

      Iscritti belle Banche dei paradisi fiscali come valuta . tornano in Italia prt la commutazione del “capitale” alla Banka del oaradiso fiscale e segnate quale debito nella banca Italiana… da pagare tutti NOI.!!! (Non è un debito personale privato)

      Se cosi stanno le cose petrchè il senatore Monti non rigiuta l’accrediti alla banca dei paesi fiscali.???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *