Home » Varie & Avariate » Mi vieti di fumare nei luoghi pubblici… Allora non fumo neanche a casa

Mi vieti di fumare nei luoghi pubblici… Allora non fumo neanche a casa

Una conseguenza che solitamente viene attribuita all’introduzione del divieto di fumo nei locali pubblici è di indurre le persone a fumare di più a casa propria, aumentando in questo modo l’esposizione al fumo passivo dei soggetti nonfumatori, in particolare dei bambini.

Un recente studio ha dimostrato, invece, che è vero il contrario: l’introduzione del divieto di fumare negli uffici, nei ristoranti e in altri luoghi pubblici induce a fumare meno anche in casa propria.

La ricerca condotta da Ute Mons e colleghi, pubblicata sulla rivista Tabacco Control, ha riguardato più di 4.500 fumatori in Irlanda, Francia, Olanda e Germania. I ricercatori hanno trovato che, dopo l’introduzione delle politiche contro il fumo nei locali pubblici, ben il 25 % dei fumatori ha esteso autonomamente tale divieto alla propria abitazione.

Secondo l’Organizazione Mondiale delle Sanità, il fumo causa il 90-95% dei tumore ai polmoni, l’80-85% delle bronchiti croniche ed efisema polmonare ed il 20-25% degli incidenti cardiovascolari. Nel 2011, il fumo ha determinato la morte di circa 6 milioni di fumatori (600mila nonfumatori per fumo passivo).

 

Loading...

Altre Storie

Bere acqua calda al mattino fa bene al nostro corpo: Ecco tutti i benefici che non sapevi

Bere acqua calda può portare diversi benefici al nostro corpo, in particolare al nostro tratto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *