Home » Economia & Caste » Perde tutto alla Sisal: direttrice di banca si auto-presta 700 mila euro

Perde tutto alla Sisal: direttrice di banca si auto-presta 700 mila euro

Unicredit-direttrice-auto-prestitoEra strozzata dai debiti del gioco, così la direttrice di una filiale Unicredit si è auto-prestata 700 mila euro. Purtroppo per lei, però, la truffa è stata scoperta e al contempo si è anche scoperto che la donna stava percependo la pensione di una donna deceduta da 14 anni, grazie alla complicità della badante. Così, la direttrice della filiale Unicredit di Segni e l’ex badante sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria di Velletri con le accuse di truffa, falsità in scrittura privata, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi, truffa ai danni dello Stato, mentre, per il reato di omessa denuncia da parte di incaricato di pubblico servizio, è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria un funzionario dell’Inps.

Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, la donna aveva il vizio del gioco e aveva contratto tanti debiti con le ricevitorie Sisal del posto. Così aveva pensato bene di architettare una truffa alla stessa banca di cui era direttrice. L’hanno scoperta i Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, supportati anche da un’indagine interna disposta da Unicredit banca. Dal 2004 al 2009 la donna aveva predisposto e deliberato la concessione di 25 prestiti personali cosiddetti “special-credito” per un totale di circa 700.000 euro, intestandoli a persone inesistenti. Quanto alla truffa ai danni dell’Inps, il danno è stato calcolato in 165 mila euro.

Loading...

Altre Storie

Medici studiano la notte per salvare paziente e ci riescono

Come riporta Il Gazzettino, una soluzione simile per un caso medico come quello del 73enne Sergio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *