Home » Lavoro & Schiavitù » Personale dell’Università di Londra fa registrare in estate 5 mila visite ai siti porno al giorno

Personale dell’Università di Londra fa registrare in estate 5 mila visite ai siti porno al giorno

I membri d’ufficio di una un’università tra le più prestigiose di Londra ha fatto registrare più di 5,000 visite a siti porno al giorno durante i mesi estivi

Piuttosto imbarazzante il record raggiunto dal University College di Londra. Forse durante la stagione estiva il campus si svuota a tal punto che al personale e ai pochi studenti resta così poco da fare che distrarsi guardando materiale pornografico resta l’unico modo per passare il tempo.

I dati sono stati ottenuti tramite il Freedom of Information Act da parte del giornale studentesco. I dati rivelano che l’University College di Londra ha fatto registrare circa 125 mila visite verso il noto sito pornografico Porno Hub.

Guardare materiale pornografico non costituisce reato in Inghilterra ovviamente, ma il problema è che tutte queste visite sono state effettuando la rete UCL, la rete interna universitaria, che viene abitualmente utilizzata dal personale e delegati che soggiornano nel campus dell’università durante i mesi estivi.

Ciò significa che tra il 6250 e 12.000 personale universitario e delegati hanno navigato il sito gratuitamente tutto il mese agosto.

Altri siti, tra cui Redtube e LiveJasmin, sono stati visitati invece tra luglio e agosto fino a 3.200 volte e 27 volte, rispettivamente.

L’UCL dispone che la rete deve essere utilizzata e “correttamente associata ai programmi UCL di studio o ai corsi per il quale lo studente è iscritto – e l’uso personale ragionevole“. Come è scritto sullo stesso regolamento.

Trai i criteri dell’UCL si legge ancora: “l’uso personale ragionevole è definito come l’uso occasionale e incidentale che non comporta l’accesso, il download, la memorizzazione o l’invio di materiale o informazioni offensivi o inappropriati, altrimenti verrà esaminata se costituisce un reato penale o civile. ”

UCL Ufficio Stampa ha dichiarato: “Le cifre fornite sono state per le richieste di dati individuali dei ‘ai siti.

Una visita a una singola pagina web è in grado di generare numerose richieste di ricerca. Pertanto, il numero effettivo di visitatori a qualsiasi sito web sarà una piccola frazione del numero complessivo di richieste di dati registrati.”

Loading...

Altre Storie

Al via gli esami di terza media per mezzo milione di studenti

Studenti delle medie alla prove degli esami (e del rito di passaggio che gli esami …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *