Home » Politica & Feudalesimo » Polverini: mando a casa i Fiorito, ma con 4000 euro al mese di vitalizio

Polverini: mando a casa i Fiorito, ma con 4000 euro al mese di vitalizio

“Questa gente la mando io a casa”. Ha dichiarato la Polverini rivolgendosi ai suoi consiglieri. Non ha specificato però, il presidente della Regione Lazio (che ancora non si è dimessa) che li manda a casa con un vitalizio da 4.000 euro al mese. Ebbene sì, mentre nel Lazio, come in tutte le altre regioni d’Italia, c’è gente che non arriva a fine mese per pagare le spese, Fiorito e compagnia avranno un futuro garantito. Grazie ad un emendamento proposto proprio dallo stesso consigliere al centro della nota bufera giudiziaria, lo scorso Dicembre è stato approvato (con i voti di Pdl, Udc, Lista Polverini e Lista Storace) in Commissione Bilancio del Consiglio regionale un emendamento che garantirà un vitalizio record.

L’emendamento Fiorito incassò il parere favorevole anche dell’assessore al Bilancio, Stefano Cetica, uno dei 14 assessori esterni della giunta Polverini a percepire il vitalizio. I tagli proposti in questi giorni, ovviamente, partiranno dalla prossima legislatura. Intanto Fiorito e compagnia dall’età di 50 anni in poi percepiranno oltre 4.000 euro al mese che saranno di volta in volta adeguati all’inflazione, ma non a quella ufficiale (come tutti i pensionati), bensì a quella reale dell’Istat. E mia nonna deve arrivare a fine mese con 503 euro… Capito?

Loading...

Altre Storie

Meteo, le previsioni dal 24 al 26 novembre

Ma sarà mercoledì la giornata più intensa di maltempo. E’ arrivato il weekend che le previsioni meteo dei principali siti …

2 comments

  1. Polverini ,o sei una volpina, oppure non hai capito un cazzo. Sei una poveraccia, mi fai pena.

  2. c’è da chiedersi,ma quanta pazienza hano gli italiani,che ancora ,nonostante l’evidenza delle prese per i fondelli di questi signori,non abbiano dato seguito a sommosse con consequente impalatura dei sudetti (signori).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *