Home » Primo piano » Posta una foto di suore al mare, bloccato l’account dell’imam di Firenze su Facebook

Posta una foto di suore al mare, bloccato l’account dell’imam di Firenze su Facebook

download-kn0E-U1090236308267FHB-1024x576@LaStampa.itNel bel mezzo della discussione sul burkini, il presidente dell’Unione comunità islamiche e imam di Firenze, Izzedin Elzir, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook una foto di sette suore, in tonaca e velo, che giocano sulla spiaggia. Senza alcun commento. Poco dopo Izzeddin Elzir è stato «bloccato» su Facebook. La sua pagina da venerdì mattina è irraggiungibile. «Sorry, this content isn’t available right now».

L’immagine, una provocazione, ha sollecitato una quantità di reazioni riaccendendo il dibattito sull’opportunità o meno di vietare il costume da bagno coprente che le donne islamiche usano per andare in spiaggia. Tommaso, per esempio, ha obiettato: «Ragazzi, ma vi sfugge che le suore appartengono ad un ordine religioso e quella è un’uniforme? L’abbigliamento dei laici è un’altra cosa. Il paragone con le suore non ha senso!!!!!».

C’è chi invece l’ha presa sul ridere, come Daniele: «E anche quest’estate abbiamo trovato un argomento per discutere sotto l’ombrellone. Meno male, altrimenti avremmo parlato delle buche nelle strade».

«Il burkini – spiega Elzir – è la dimostrazione di una `discultura´ in Occidente dove si pensa che i musulmani non seguano la moda: pochi anni fa, quel costume (perché è un costume da bagno) non c’era. È l’idea di una ragazza musulmana. Ora va di moda: negli Usa lo comprano le americane, mica solo le musulmane. Da noi è una novità, tra 5 anni magari diventa moda anche qui. E mi dispiace che amministratori comunali e qualche politico in Francia, invece di rispondere alle esigenze dei cittadini su politica ed economia, si occupino di come si vestono le musulmane».

Loading...

Altre Storie

Sesso e infezioni, malattie sessualmente trasmesse, allarme Italia per sifilide e Hiv

Sono più di 20 gli agenti patogeni tra batteri, virus, funghi e parassiti che possono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *