Stephen Hawking: nuove verità sui buchi neri

Stephen Hawking parla dei buchi neri nella conferenza di Stoccolma: che fine fa la materia quando il buco scompare?

Nella giornata di martedì Stephen Hawking ha enunciato le sue ultime teorie sui buchi neri, davanti ad una folla di scienziati e giornalisti riunitasi a Stoccolma.
Hawkings ha focalizzato la sua attenzione su quello che è conosciuto con il nome di paradosso delle informazioni del buco nero:

Secondo le teorie esposte dallo stesso Hawking in passato, i buchi neri emettono delle radiazioni (radiazione di Hawkings), che farebbero perdere energia al buco stesso fino a farlo scomparire. Il paradosso allora è: cosa resta della materia all’interno del buco nero? Sparisce a sua volta?

I fisici credono che queste informazioni non siano davvero perse per sempre.
Stephen Hawking, nel corso della conferenza di Stoccolma, ha proposto una possibile soluzione:

“Io credo che le particelle che entrano in buco nero, lasciano traccia delle loro informazioni nell’orizzonte degli eventi del buco. Quando con il fenomeno della radiazione le particelle escono fuori nuovamente, portano fuori le informazioni, conservandole.”

Tuttavia, ha concluso Hawking, si tratta di informazioni inutili. Per comprendere meglio il senso di questa informazione il geniale astrofisico riprende un esempio fatto lunedì:

“Immaginate di incenerire un enciclopedia e di conservare accuratamente le ceneri in un contenitore. Di fatto, avete tutte le informazioni in vostro possesso, ma faticherete non poco a trovare la capitale del Minnesota.”

La transazione che si verifica determina un mutamento di forma, in una sorta di ologramma della particella originale. Un ologramma, spiega Hawking, nel senso che le informazioni in 3d vengono riproposte su una superficie 2d.

Oltre ad Hawking, alla conferenza hanno preso parte alcune delle menti più brillanti nel campo della fisica, come il premio nobel Gerard t’Hooft e il fisico di origine albanese Laura Mersini-Houghton. Lo scopo, quello di fare maggior chiarezza su uno dei temi più affascinanti della fisica moderna: i buchi neri.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *