Acne: quando i segni non scompaiono

Gentile dottore, sono una ragazza di 20 anni. Purtroppo, l’acne giovanile di cui ho sofferto mi ha lasciato molti segni antiestetici sul viso, in particolare sulle guance. Vorrei sapere se in commercio esiste qualche prodotto che potrebbe aiutarmi a rendere meno evidenti questi segni.

Buongiorno Elettra, tutto dipende dal tipo di cicatrici lasciate dall’acne. Se si tratta di cicatrici superficiali, poco depresse e con minimi cambiamenti del colorito delle cute, è possibile trattarle utilizzando creme a base di acido retinoico, che vanno applicate alla sera per lunghi periodi di tempo. Se invece le cicatrici sono rilevate e ipertrofiche oppure, al contrario, sono depresse e profonde, purtroppo deve rivolgersi necessariamente a un dermatologo per trattamenti ambulatoriali, quali
peeling, laser, needling e iniezioni di acido ialuronico.

In generale, tutti questi generi di terapie devono essere praticati nel corso dei mesi invernali, perché la fotoesposizione, ossia l’esposizione al sole, è una controindicazione nei loro confronti.
Inoltre, tali terapie vanno ripetute per cicli di almeno 5 o 6 sedute, a intervalli di 21 giorni l’una dall’altra. Nonostante i risultati estetici siano soddisfacenti, tuttora è estremamente importante trattare Vacne in maniera corretta durante le sue fasi attive. Così facendo, infatti, si previene la formazione delle cicatrici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *