Bonus energia e risparmio energetico 2019: novità su agevolazioni fiscali

Bonus energia e risparmio energetico, sembra che sul sito dell’Agenzia delle entrate ci sia una guida completa relativa a tutte le detrazioni fiscali che sono previste per la fine del 2018, inizio 2019. Questo documento prende il titolo di “Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico” e cerca di fare più chiarezza possibile riguardo la materia in attesa di conoscere quelle che sono le intenzioni del governo. In questo, dunque, saranno elencati tutti gli interventi possibili per i quali è possibile richiedere la detrazione e vengono anche specificate tutte le procedure da seguire per poterne usufruire. Vediamo più nello specifico che cosa si intende per bonus energia e risparmio energetico e quali sono effettivamente i principali interventi.

Bonus energia e risparmio energetico

Si tratta di agevolazioni che consistono nella detrazione dell’Irpef oppure dell’Ires e viene concessa nel caso in cui vengono eseguiti degli interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti. Tali disposizioni sono state introdotte solo ed esclusivamente dalla legge di bilancio 2018, ovvero la numero 205 del 27 dicembre 2017 e sono state prorogate fino al 31 dicembre 2018. La legge oltre alla proroga pare che abbia introdotto anche alcune novità molto importanti tra le quali la riduzione al 50% della percentuale di detrazione per tutte quelle spese riguardanti l’acquisto e la posa in opera di finestre comprensive di infissi di acquisti schermature solari, oppure sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con degli impianti che siano dotati di caldaie a condensazione, con un’ efficienza che deve essere però pari alla classe A.

E’ stato anche introdotta una riduzione del 50% della percentuale di detrazione per tutte le spese che si sono sostenute nel corso del 2018, riguardanti l’acquisto e anche la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con degli impianti, che siano dotati di calore che deve essere alimentato però da biomasse combustibile. In questo caso, il valore massimo della detrazione è di €30.000. Ci sarebbe anche l‘esclusione da tutte quelle spese sostenute per l’acquisto di caldaia a condensazione, con un’ efficienza che sia inferiore alla classe A. C’è anche spazio per una nuova detrazione riguardanti l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti. È prevista, inoltre, una detrazione che ammonta il 65%, per quanto riguarda la sostituzione di tutti gli impianti di climatizzazione invernale con impianti che siano dotati di apparecchi ibridi che nel contempo siano costituiti da una pompa di calore integrata con una caldaia a condensazione, oppure riguardanti tutte le spese per l’acquisto e la posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Chi può usufruire del bonus energia

I beneficiari di tali detrazioni sono tutti i contribuenti che risiedono e che non risiedono e che però risultano essere in possesso dell’immobile ho detto l’intervento. Nello specifico, dunque, saranno ammessi e Tari agevolazioni tutte le persone fisiche compresi compresi esercenti arti e professioni così come i contribuenti che conseguono reddito di impresa e le associazioni tra professionisti ti pubblici e privati che non hanno attività commerciale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *