PostePay, nuova truffa: attenzione ai conti correnti e ulteriori

96

Postepay è sicuramente la carta prepagata più diffusa e maggiormente scelta dagli utenti. Questa sembra anche essere la principale carta prepagata presa di Mira dai malfattori, che sono sempre più in agguato con l’intento di rubare e svuotare il conto corrente di molti utenti. Nelle ultime settimane, sembra sia arrivata una nuova truffa che pare arrivi attraverso le email ed sms e sembra che attraverso questa, i malfattori siano riusciti a prosciugare il conto di tanti clienti di Poste Italiane. Queste carte prepagate, Ovvero la Postepay, viene svuotata dagli hacker che continuano a diffondere delle email ai danni degli utenti, con dei falsi annunci. Questo fenomeno, che sembra essere in espansione, può essere fermato e bloccato soltanto dai titolari delle carte. E’ Bene che questi utenti prestino particolare attenzione alle mail ricevute, Oppure ai messaggi sospetti e tutte quelle notifiche che potrebbero in qualche modo incuriosire.

Sarebbe soltanto questa la soluzione per bloccare queste truffe online, ovvero prestare maggiormente attenzione. In passato sono intervenuti la polizia postale lo sportello dei diritti che hanno espresso i loro consigli e ancora oggi ribadiscono l’importanza dell’attenzione da parte dell’utente, nonché titolare della carta emessa da Poste Italiane. E’ davvero fondamentale prestare Maggiore attenzione ai messaggi alle richieste del messaggio e quindi alle mail e agli sms che spesso richiedono la fruizione di dati personali. Bisogna assolutamente ignorare queste comunicazioni che sono poco chiare e soprattutto non inserire mai e poi mai i propri dati personali né tanto meno dati relativi a password e dati di accesso al proprio conto corrente.

Anche perché Poste Italiane Da sempre Ha comunicato ai propri utenti che le comunicazioni non vengono mai effettuate tramite mail ed sms, Quindi ogni qualvolta vi arrivi una comunicazione attraverso questi due ore modalità, sappiate che non arriva da Poste Italiane. Le Postepay sono infatti prosciugate Nella maggior parte dei casi proprio per via della disattenzione dei titolari delle carte. Una delle tecniche utilizzate da questi malfattori è quella del phishing, che nonostante sia molto banale fa cadere nel tranello davvero un numero elevato di vittime. La truffa più comune è quella è arriva attraverso le mail che sfrutta il logo o l’intestazione di Poste Italiane, richiedendo la registrazione e quindi l’inserimento dei dati personali per poter accedere ai servizi, ma si tratta soltanto di una truffa.

Viene richiesto di inserire dei codici e informazioni relative alla propria Postepay, In modo tale da poter effettuare i prelievi in modo del tutto indisturbato. Poste Italiane Sembra davvero essere negli ultimi anni uno degli obiettivi preferiti dagli hacker e diversi tentativi sono andati a buon fine e sono stati denunciati nel tempo. Queste frodi vengono commesse nella maggior parte dei casi utilizzando i social network. Nel caso in cui dovesse arrivarmi un messaggio da parte di Poste Italiane su WhatsApp oppure tramite mail, evitate di aprire contenuti e di cliccare su dei link che potrebbero in qualche modo installare sul vostro dispositivo dei malware che sono necessari per compiere questo tipo di truffa.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.