Postepay, utenti truffati via email e WhatsApp. Attenzione all’ultima truffa

Postepay è sicuramente la carta prepagata più utilizzata nel nostro paese, per effettuare acquisti online ma anche qualsiasi altro tipo di acquisto, presso i negozi fisici. Si tratta di un metodo di pagamento piuttosto semplice e versatile. Tuttavia però spesso Postepay risulta essere una carta prepagata poco sicura e sono sempre di più le truffe contro i clienti che ne fanno uso. Proprio in questi giorni, arrivano varie segnalazioni di utenti e possessori di carte Postepay, i quali sarebbero stati oggetto di truffe e sembra che in questi giorni nello specifico una, stia rischiando di mietere delle vittime di vario tipo, ma che punta perlopiù a chi è più anziano e più inesperto sotto il punto di vista tecnologico. Il termine con il quale si indica aspetto questo fenomeno è phishing che significa abboccare all’amo ed è sostanzialmente il tentativo dei truffatori di lanciare l’esca e attendere poiché il tempo possa fare i frutti.

Sicuramente non si tratta della prima truffa che coinvolge questo tipo di carta prepagata di Poste Italiane ed infatti sembra che Postepay sia sempre più sotto l’occhio del ciclone in merito a queste truffe. Bisogna partire dal fatto che Poste Italiane non è solita comunicare con i clienti attraverso WhatsApp o email perché questi vengono ritenuti dei miti poco sicuri. Nella Maggior parte dei casi dunque quando si viene contattati tramite mail oppure tramite messaggio WhatsApp, che apparentemente arriva da Poste Italiane. sicuramente si è davanti ad una truffa.

In genere questo messaggio contiene un link, il quale si viene reindirizzati su un sito fasullo di Poste Italiane. Nonostante in apparenza possa sembrare un link affidabile perché i truffatori cercano di copiare in modo minuzioso il simbolo e qualsiasi altro particolare, si tratta comunque di un fake. Ci troviamo Dunque davanti ad una importante comunicazione che ci informa che per uno strano motivo la carta è stata bloccata e che quindi si invita a procedere con il login nel portale per poter verificare i motivi e risolvere la situazione ed è proprio in questo momento che quando si effettua il login non si viene adescati dagli hacker.

Entrando in questo sito fasullo, si fornisce ai truffatori dati personali che saranno nella maggior parte dei casi e relativi al conto Postepay. Potremmo così correre il rischio di vedere svuotato il proprio conto nel giro di Pochi istanti. Bisogna Dunque fare molta attenzione ai messaggi di testo che si ricevono e soprattutto quelli che indirizzano a degli Interni che richiedono e anche dei dati personali. Ad ogni modo, quando si ricevono questi messaggi sarebbe bene segnalarlo a chi di competenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *