Turista italiano precipita in un’opera d’arte e finisce in ospedale

E’ davvero incredibile quanto accaduto ad un turista italiano il quale è finito in ospedale, dopo essere caduto dentro ad una delle principali opere d’arte di un noto artista britannico. Ebbene si, nonostante possa sembrare una notizia che ha dell’incredibile è quanto realmente accaduto ad un turista italiano il quale si trovava in Portogallo e pare fosse andato a visitare un opera d’arte dell’artista britannico Anish Kapoor che erano esposte al Museo serralves di Porto. Però il turista si è avvicinato all’opera, ovvero un buco nero piuttosto profondo 2,5 metri,  ma pensando che si trattasse di una illusione ottica, ha perso l’equilibrio ed è caduto.

Il protagonista di questa disavventura, come abbiamo detto, è un italiano di 59 anni il quale si trovava in vacanza in Portogallo e che è finito in ospedale dopo essere rimasto vittima di un incidente piuttosto Bizzarro avvenuto all’interno delle museo Serralves di Porto. Il 59enne sarebbe rimasto ferito in seguito alla caduta all’interno dell’opera d’arte, dopo essere precipitato nell’esposizione chiamata “Discesa al Limbo”, del britannico Anish Kapoor.

Questo però Infatti consiste in un grosso pozzo nero di 2 metri e mezzo di profondità al quale il turista pare si sia avvicinato, a quanto pare troppo, per capire che effettivamente non era un’illusione ottica, ma un vero e proprio buco nel pavimento. Quando ormai era troppo tardi, Praticamente il turista ha perso l’equilibrio ed è caduto all’interno del buco nero.

Immediati sono stati i soccorsi e l’uomo è stato ricoverato presso l’ospedale di Sant’Antonio Dove è stato ricoverato anche per diverse contusioni, Ma le sue condizioni non sono sembrate piuttosto preoccupanti. In seguito a questo incidente però, il museo di Porto nonostante avesse già avvertito i visitatori del pericolo ha annunciato che verranno rafforzate le misure di sicurezza per evitare che si possano verificare altri incidenti del genere. Questa notizia piuttosto singolare ha già fatto il giro del mondo.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.