La macchina organizzativa di Sanremo è stata ufficialmente messa in moto. Amadeus sta vivendo un momento di forte stress e Giovanna Civitillo racconta come stanno vivendo la quotidianità adesso che tutto comincia a prendere forma, affermando che il marito sarebbe troppo stanco?

Amadeus stanco in vista di Sanremo

Il momento più importane della carriera i Amadeus sta per arrivare, a febbraio si terrà il Festival di Sanremo 2020 alla quale sta lavorando insieme a Fiorello, fianco a fianco, mantenendo una promessa che si erano fatti anni fa quando la loro carriera non era ancora arrivata nel momento clou.

Amadeus in occasione di una lunga intervista rilasciata al settimanale Oggi sul rapporto e la collaborazione con Fiorello ha dichiarato: “Con Fiorello ci conosciamo da 35 anni, è un fratello. Trent’anni fa eravamo a Ibiza per Deejay Television, avevamo grandi sogni, ma eravamo sfigatelli, nessuno ci filava. E ci siamo detti: ‘Se un giorno uno di noi condurrà Sanremo, chiamerà anche l’altro’”. La moglie del conduttore e direttore artistico però afferma di vedere l’uomo stanco.

“Giovanna mi fai una camomilla?”

I preparativi in vista di Sanremo stanno coinvolgendo tutta la famiglia di Amadeus, compresa la moglie Giovanna Civitillo. Ebbene sì, come nella vita privata anche dietro le quinte di un progetto così importante, Giovanna Civitillo è al financo del marito e nell’intervista di coppia al settimanale Oggi confessa: “Amadeus non ci dorme la notte. Sta sempre con le cuffiette, ascolta e riascolta le canzoni da selezionare. Per parlargli, io e José, nostro figlio, dobbiamo togliergli a forza gli auricolari! È travolto dalla musica. Poi magari alle 2 di notte mi chiede: Giovanna, mi fai una camomilla?”.

Canzoni Sanremo 2020

Differentemente dagli anni passati, le canzoni che sentiremo sul palco dell’Ariston a febbraio 2020 non verranno annunciate prima di Natale ma bensì il giorno dell’epifania.

Ad annunciare la cosa è stato lo stesso Amadeus che ha anche fornito alcuni dettagli fondamentali sul tipo di artisti che vedremo a Sanremo 2020, le quali si contenderanno il titolo della canzone italiana più bella: “Ho ricevuto 200 canzoni, ne devo scegliere 22, da annunciare il 6 gennaio… Devono rimanere ed essere al passo con i tempi. Non esiste più la canzone sanremese, che era un po’ un limite. Ci saranno canzoni melodiche, ma anche rap o trap… Mi sono arrivate più canzoni da uomini. Ma il numero non è importante, possono esserci anche meno donne, ma se poi sono fortissime…”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here