Amanda Knox torna in Italia per il Festival della Giustizia Penale: “Sono una donna libera”

Amanda Knox torna in Italia per il Festival della Giustizia Penale: "Sono una donna libera"

Amanda Knox torna in Italia per il Festival della Giustizia Penale: "Sono una donna libera"

Gli occhi del mondo sono nuovamente concentrati su Amanda Knox che torna Italia anni dopo l’assoluzione dall’accusa per l’omicidio di Meredith Kercher. L’annuncio è arrivato sul suo profilo Twitter dove ha parlato di un atteso ritorno fatto comunque da donna libera.

Omicidio Meredith Kercher

L’uccisione della ragazza inglese, avvenuta nella sua casa di Perugia dove si trovava perché stava seguendo un percorso di studi ha fatto discutere il mondo intero. Meredith Kercher è stata trovata morta riversa sul letto dopo una serata trascorsa insieme agli amici, in un primo momento, secondo gli inquirenti, i responsabili del suo omicidio sono Amanda Knox e il suo fidanzato italiano Raffaele Sollecito. Poco dopo si unirà a loro Ruby Guede ad oggi unico condannato per l’omicidio di Meredith Kercher.

Dopo anni di battaglia legale, per Amanda Knox e Raffaele Sollecito, arriva finalmente la sentenza che ribalta l’esito e li rende entrambi liberi. La ragazza americana è tornata nella sua nazione qualche ora dopo la sentenza insieme a Raffaele Sollecito che, invece, ha fatto ritorno in Italia. Ad oggi le vite dei due ragazzi sono completamente diverse, lui a caccia di lavoro ancora giudicato per i fatti che dovrebbero riguardare solo il suo passato, lei super star in America che ritorna in Italia per prendere parte al Festival della Giustizia Penale a Modena.

Amanda Knox torna in Italia

Nessuno credeva che una cosa simile sarebbe potuta mai accadere dopo l’assoluzione del processo per la morte di Meredith Kercher, ecco che Amanda Konx annuncia su Twitter “Torno in Italia da donna libera“. La ragazza è già in viaggio diretta a Milano, in compagnia della mamma Edda Mellas e del suo attuale fidanzato Christopher. A commentare la partecipazione di Amanda Knox al Festival della Giustizia Penale a Modena è stato l’avvocato Guido Sola, presidente della Camera Penale che organizza l’evento con l’associazione Italy Innocente Project: “Amanda Knox ha subito gli effetti di un processo mediatico e racconterà la sua esperienza. Il primo procedimento rilevante, seguito dai media, è stato quello per l’omicidio per piccolo Samuele a Cogne, il secondo il delitto di Perugia“. Guido Sola continua spiegando: “Dialogherà con giuristi ed esperti e racconterà – come riportato da IlMessaggero.it – come ha vissuto quel periodo sotto i riflettori. Lei per tutti era l’assassina e quando è stata assolta l’opinione pubblica ha parlato di un errore. Nessuno entrerà nel merito del procedimento, ascolteremo la sua esperienza“.

“Il suo non è il classico caso di errore giudiziario”

A commentare il ritorno in Italia da donna libera di Amanda Knox è stato anche l’avvocato Francesco Maresca che, secondo quanto pubblicato da IlMessaggero.it, ha dichiarato: “Bisogna avere rispetto per la sentenza che ha definitivamente assolto Knox e Raffaele Sollecito, ma anche per quei giudici che per due volte li hanno condannati. Il suo non è il classico caso di errore giudiziario“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *