Amazon sbarca in carcere, i detenuti di Torino e Roma lavoreranno per il Colosso

Grandi novità in casa Amazon ed effettivamente  quella che stiamo per annunciarvi è una notizia piuttosto interessante. Amazon Infatti arriva anche tra le mura del carcere e nello specifico, il colosso americano che è stato fondato da Jeff Bezos sembra aver firmato un accordo con le case circondariali di Le Vallette a Torino e di Rebibbia a Roma. Interessante notizia è stata annunciata proprio dal direttore del Penitenziario piemontese Domenico Minervini. Stando a quanto riferito, questo patto prevede che i detenuti vengono impiegati proprio come dei magazzinieri a supporto alla logistica sia nel carcere di Roma che di Torino. Il prossimo 30 maggio al DAP, ovvero il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, sarà firmato il patto con il colosso Amazon.

Nello specifico a Torino questo mini centro di logistica sorgerà all’interno delle Mura del Lorusso e Cutugno e nello specifico pare che sarà rimesso a nuovo un capannone dove da Amazon saranno impiegati una decina di detenuti, proprio come addetti che saranno regolarmente retribuiti. Al momento non sembrano essere ancora noti alcuni dettagli di questa operazione, come ad esempio a quanto ammonta la paga oraria che sarà riservata semplicemente a coloro che entreranno a far parte di questo progetto di reinserimento dei detenuti nel mondo del lavoro, sia a Torino che a Roma.”Si tratta di un importante accordo, con un’azienda internazionale e seria” , ha spiegato a Repubblica Minervini.

Amazon sbarca in carcere, ancora tanti i dubbi

Il lavoro in Amazon spesso è stato al centro di indagini e di inchieste per delle condizioni lavorative presunte, non esattamente favorevoli per i dipendenti. Sembra che in questi anni alcuni abbiano addirittura sostenuto che lavorare per Amazon più o meno è come stare in carcere. Adesso mentre il colosso si prepara a rendere ancora più automatizzato il tutto, inserendo all’interno dei magazzini dei robot addetti all’imballaggio al posto dei tradizionali impiegati, adesso alcuni detenuti dei due penitenziari di cui sopra abbiamo parlato, ovvero Torino e Roma si aggiungeranno ai dipendenti già operativi e lavoreranno a tutti gli effetti.

Come abbiamo già visto, sono ancora tanti quesiti di cui quindi non si conosce la risposta a cominciare dalla paga oraria, a finire al tipo di contratto che verrà proposto ai detenuti coinvolti. Ci si chiede ancora, come avverrà l’eventuale selezioni degli stessi e quanto rilievo potrà avere questo progetto ed in generale come sarà gestita l’intera situazione di Rebibbia. Molto probabilmente, alcune precisazioni arriveranno quando sarà firmato l’accordo, la cui data è prevista per il prossimo giovedì.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.