Press "Enter" to skip to content

Brescia, è definitiva la condanna per l’ex marito di Pinky

Dai giudici della Corte di Cassazione è arrivata la conferma della condanna di primo e secondo grado a 14 anni di reclusione nei confronti di Ajab Singh, l’uomo che il 20 novembre del 2015, davanti ai figli, diede fuoco alla compagna Parvinder Kaur “Pinky” in casa a Dello, nel Bresciano. L’indiano, sposato con la donna dopo un matrimonio combinato dalla famiglia, non sopportava lo stile troppo occidentale della consorte. E lei era stata costretta per anni a subire atti di violenza psicologica dovuti all’alcol e alla droga che spesso l’uomo assumeva.

Poi tutto è cambiato quel 20 novembre quando, in preda al fuoco, la donna si era fatta aiutare dai vicini e aveva trovato il coraggio di denunciare il marito (ora ex) ai carabinieri. Sono così trascorsi due gradi di giudizio in cui sono sempre stati confermati 14 anni di carcere e ora anche dalla Cassazione. Detenzione che da qualche giorno è a Milano, quindi lontano dalla posizione di “Pinky”. Nel frattempo la donna vive con i due figli di 8 e 6 anni e ha un lavoro. “Già mesi prima, dopo l’ennesima aggressione, i miei cari avevano capito. ‘Separati da lui’, mi disse mio padre. Ma le zie e gli zii mi costrinsero a perdonarlo e restare, per non disonorare la famiglia”.

Adesso vive da sola, e già questo per una ragazza indiana è qualcosa di eccezionale. “Aspetto il divorzio, cresco i miei bellissimi figli e riesco a mantenermi: questa è la soddisfazione più grande. Ho una casa e anche una macchina! Lo so, le sembrerà sciocco ma per me non lo è affatto. Piccoli passi, che mi sono conquistata da sola”. Perché “ho stravolto le regole di una comunità. E se l’ho fatto io lo possono fare tutte”, ha dichiarato la donna, che raccomanda a tutte le altre di non mollare. “Io che ho subito violenza mi sono sempre detta che senza mio marito non ce l’avrei mai fatta. Non è vero. Dobbiamo avere più fiducia e autostima, proprio per dimostrare a questi uomini che possiamo andare avanti. Bisogna denunciare: questa è la battaglia che porto avanti ogni giorno”.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *