Luciana Littizzetto, lutto per l’attrice: “Non Non ci sei più. E nemmeno io”, il dolore sui social

La perdita di un animale a quattro zampe è sempre una sofferenza, scaturisce un dolore indescrivibile e lascia un vuoto incolmabile. Lo sa bene la conduttrice e attrice comica Luciana Littizzetto, la quale ha perso la sua cagnolina Gigia ed ha comunicato la perdita sui social e nello specifico su Instagram. “Non ci sei più. E nemmeno io #gigiatesoromio”, questo il messaggio postato da Luciana su Instagram. E’ stato un addio doloroso per l’attrice che pare fosse particolarmente legata alla sua “adorabile peste“, che la stessa ha ritrovato nove anni fa in autostrada, vicino Rho, alla periferia di Milano mentre stava andando a girare uno spot per la Coop. E’ stata la stessa Luciana a raccontare il loro primo incontro e di come fosse stato bello il loro rapporto sin dall’inizio.

Era spaventatissima povera cagnina e si dannava l’anima per difendersi. Una volta portata in camerino è cominciato il toto Gigia. Chi la vuole? All’inizio tutti disponibili. Lo dico ad un mio amico, magari a mia sorella, ti faccio sapere se a mia nonna… Io avevo già un altro cane, Alì bau bau, già vecchierello e anche lui del canile, non ero tanto dell’idea”, ha raccontato Lucianina sul suo sito.

“Certo che un minuscolo cane…per giunta con due nasi…come si fa. E così nonostante Davide ringhiasse pure lui l’ho portata a casa. Con la solita scusa. La tengo un po’ di giorni e poi vedo di trovarle un padrone. Peccato che dopo qualche ora era lei la padrona indiscussa della casa, abbaiatrice professionista, ringhiatrice da Nobel, morsicatrice a tempo perso”, ha aggiunto poi il volto storico del programma Che tempo che fa.

Luciana Littizzetto spiega poi come si è arrivati al nome e anche in questa occasione, nonostante il dolore, Luciana non ha perso il suo umorismo ed ha riferito di averla voluta chiamare Brunetta, visto che le dimensioni ma soprattutto il carattere. Poi aggiunge: “Poi avendo lei la fisicità di un topo abbiamo optato per il femminile di Gigio. Gigia. Ed eccola qua. Sotto la mia scrivania che dormicchia mentre scrivo. Il destino ci ha fatto incontrare. Si, sto parlando di te, Gigione. Lo sai vero? Certo, perché sventoli la coda come il ventaglio di un’odalisca. Vuoi dirmi che mi vuoi bene? Lo so. Anch’io te ne voglio. E non posso neanche sventolare la coda per dirtelo. Ma tu mi capisci anche senza parlare. E’ un linguaggio particolare il nostro. Fatto di cuori. Cuori di femmine che battono all’unisono. Arf”. Molti utenti social e fan dell’attrice comica hanno voluto stringersi, seppur virtualmente, al dolore di Lucianina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *