Meghan, la Regina vuole cacciarla da palazzo

Si mette male per Meghan Markle, moglie di Harry d’Inghilterra. A niente vale la gravidanza ostentata come una medaglia al merito. La popolarità della duchessa di Sussex, titolo che si è guadagnata sposando il principe, scende in picchiata. Il settimanale Globe, bibbia del gossip made in Usa, rivela che la regina Elisabetta ha deciso di sbarazzarsi dell’ingombrante nipote acquisita senza lasciarsi impietosire dal piccino che porta in seno.

Secondo voci indiscrete provenienti dal Palazzo, la povera Meghan sarebbe considerata come “un cancro da estirpare quanto prima”. La definizione è presa dalla mail di un misterioso personaggio della cerchia reale, che rivela un piano per imporre all’americana un divorzio rapido e indolore già prima della fine di aprile, data presunta della nascita del figlio. Per liberarsi di quel “cancro” Elisabetta e Carlo sono pronti a pagare una somma esorbitante. Il divorzio da Harry frutterebbe, infatti, all’ex attrice americana 37 milioni di dollari (32,4 milioni di euro), imponendole però due clausole penose. Meghan dovrebbe accettare la separazione già prima della fine di aprile, cioè ancora prima del parto, lasciando a Londra il suo bambino che dovrebbe essere allevato a Corte e godere di un titolo nobiliare.

Lei stessa, invece, dovrebbe tornare negli States rinunciando al titolo di duchessa e a ogni contatto con i reali, bebé incluso. Insomma, una punizione esemplare (e un po’ da romanzo d’appendice) per una mamma e una moglie che nei mesi scorsi ha calamitato l’attenzione dei sudditi di mezzo mondo. A che cosa si deve tanta severità nei confronti di una donna che fino allo scorso dicembre è stata portata in palmo di mano? Gli osservatori della casa reale citano numerosi motivi. Per cominciare Meghan spende troppo. E già questa potrebbe essere una ragione plausibile, considerando che i Windsor sono noti come grandi risparmiatori e, a dispetto delle loro ricchezze, lesinano su tutto: riscaldamento, luce, perfino sul dentifricio.

Ma le mani bucate non sono l’unico difetto attribuito alla duchessa, e non il più grave. A quanto pare la Corte è irritata dalle troppe liti tra Kate e Meghan. I fedelissimi del trono pensano che l’americana sia in cerca di pubblicità. Ritengono che la nipote acquisita della regina sia troppo leziosa, criticano con severità il suo vezzo di accarezzarsi il pancione con l’intento di ribadire la sua dolce attesa. Un gesto, questo, indegno di una nobildonna appartenente alla famiglia. Secondo la tradizione, una giovane donna così vicina al trono dovrebbe restare silenziosa e composta, in trincea, senza sgomitare per mettersi in mostra. Sono il sovrano e i suoi eredi i veri protagonisti della scena.

Troppe spese, troppi litigi, troppa voglia di primeggiare: sono questi, quindi, i rimproveri rivolti alla moglie di Harry. Ma non solo. Duncan Larcombe, il più accreditato biografo di Harry, ha scoperto che lo staff del principe è in rivolta. Proprio il ragazzone dai capelli rossi, un tempo simpatico e alla mano, da quando si è sposato, è diventato intrattabile. E la colpa, ancora una volta, viene fatta ricadere, sulla moglie, una starlette di Hollywood che pretende di imporsi sulla Corte con capricci e ripicche.

Se tutto questo fosse vero, Meghan sarebbe diventata una costante fonte di imbarazzo per i reali e, dunque, un problema che la regina e il principe Carlo vorrebbero risolvere in tempi brevissimi.
I dubbi sono d’obbligo, naturalmente, soprattutto per l’entità della punizione riservata a Meghan. Perfino gli osservatori più maliziosi precisano che Harry si oppone ai piani della nonna e del papà ed è pronto a difendere il suo matrimonio con le unghie e i denti. Ma aggiungono che la famiglia si divide tra i sostenitori e gli oppositori dei duchi di Sussex. Dunque la guerra è vicina e farà tremare il trono? Tutto è possibile. Intanto la coppia continua a lavorare per la “ditta”, partecipando con grandi sorrisi a inaugurazioni ed eventi charity.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *