Non parla con la sua famiglia da 4 anni perché non sopporta di sentirli masticare

Per anni, Derrol ha ritenuto di essere “solo pazzo” perché ha scelto di non parlare con la sua famiglia a causa del rumore provocato dalla masticazione del cibo. A quanto pare – e non il solo sul pianeta Terra – soffre di misofonia, una rara condizione mentale che provoca rabbia e fastidio se sottoposti a determinati rumori. Questi innescano risposte emotive accresciute tra cui rabbia, panico e la necessità di fuggire. Per Murphy, quel suono è la masticazione.

La misofonia è altrimenti conosciuta come sindrome selettiva della sensibilità al suono, a causa della quale sperimenta forti reazioni negative ai suoni ordinari a cui la gente normalmente non penserebbe nemmeno.

In una intervista, Murphy ha dichiarato: “Non sono una persona aggressiva, i rumori mi fanno solo arrabbiare. Ho dovuto rinunciare ad uscire ad alcuni appuntamenti se le persone masticavano molto forte, il mio viso dice tutto – faccio uno sguardo di disgusto che non riesco a nascondere. La masticazione è talmente forte che sento solo quello tutto il tempo. Un rumore che nasconde gli altri: se sono in un ristorante, sento la voce di una persona e poi sento le posate, mi fa impazzire. Il fruscio delle buste di plastica mi fa assolutamente impazzire, e non vado al cinema da più di 10 anni perché le persone che aprono le buste per il cibo sono un brutto colpo“.

Una condizione comune

I problemi e i fastidi, sebbene difficili da comprendere per coloro che non li possiedono, sono estremamente seri.

In una precedente dichiarazione di Murphy, lui stesso raccontava di come soffriva della sua condizione seppur non diagnosticata, ma osserva che la chiave di lettura è la comprensione. “Spero che la gente ne abbia una maggiore comprensione e si renda conto che solo perché non riesci a vederlo, non significa che non ci sia. In realtà è reale e le persone devono avere pazienza con chi ne ha a che fare. È abbastanza difficile per noi capire cosa sta succedendo“, ha detto.

Da allora ha trovato l’amore e, in effetti, la comprensione. “La maggior parte delle persone dice di capire, ma deve solo guardarmi in faccia per sapere quando il rumore mi arriva all’orecchio“.

Murphy non è stato nemmeno in grado di parlare con la sua famiglia o parenti stretti negli ultimi quattro anni perché temeva che un piccolo rumore potesse scatenarlo. Responsabile della produzione di grafica di San Diego, la sua condizione ha influenzato ogni aspetto della vita di Murphy e ha reso gli appuntamenti e le interazioni anche con i suoi colleghi sia un vantaggio che una rovina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *