Pensioni 2019: uscita anticipata precoci, Quota 100 e Ape Sociale per uscire dal mondo del lavoro

Quali sono le ultime notizie sulle pensioni 2019? Si rimane in attesa ormai da parecchie settimane del decreto-legge che conterrà delle novità molto importanti sul settore previdenziale ed in primis su Quota 100. Questo dovrebbe arrivare al massimo tra il 10 e il 12 di gennaio e conterrà quindi delle novità piuttosto interessanti sul settore previdenziale e in primis su quota 100 che sembra essere la misura più attesa di tutto il 2019. Ma quali sono  ad oggi le soluzioni di uscita dal mondo del lavoro per i lavoratori che hanno o stanno per maturare i requisiti per la pensione? Le soluzioni di pensionamento sembrano essere diverse, almeno per questo 2019. Innanzitutto a cambiare sono stati i requisiti per poter accedere alla pensione ordinaria ovvero alla pensione di vecchiaia e non saranno più sufficienti 66 anni e 7 mesi ma 67 anni di età, con un minimo di 20 anni di contributi. Questo per via dell’aumento dell’età pensionabile che è scattato proprio lo scorso primo gennaio.

Leggi Anche  Pensioni ultime notizie, confermata pubblicazione decreto in Gazzetta lunedì 28 gennaio

L’inizio della pensione di vecchiaia sembra essere fissato il primo giorno del mese seguente a quello in cui il soggetto ha raggiunto i requisiti per il pensionamento. Novità interessanti anche per la pensione anticipata ed a differenza della precedente, pare che sia stato bloccato il meccanismo che lega l’età pensionabile all’aspettativa di vita e quindi rimane tutto ancorato a 42 anni 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. Si parla anche inevitabilmente di Quota 100, ovvero la misura più attesa la quale prevede l’uscita anticipata dal mondo del lavoro una volta maturati 2 requisiti ovvero uno contributivo e l’altro anagrafico.

Nello specifico bisognerà aver compiuto 62 anni di età e aver maturato almeno 38 anni di contributi. Secondo alcune indiscrezioni, si parla di una misura sperimentale che dovrebbe avere la durata di 3 anni e quindi fino al 2021 per poi essere sostituita da Quota 41 per tutti che è considerato il vero obiettivo finale. Quota 100 non sarà però uguale per tutti, ma ci saranno delle sostanziali differenze tra Lavoratori Privati e pubblici. Nello specifico questi ultimi potranno sfruttare la prima finestra utile ad ottobre, mentre i privati potrebbero già usufruire della prima finestra di aprile e avere diritto anche ad altre tre finestre. Si prosegue ancora con Ape sociale. Quest’ultima è una misura rivolta essenzialmente ad alcune categorie di lavoratori e permetterebbe l’uscita dal mondo del lavoro con l’aiuto dello Stato.

Leggi Anche  Pensioni ultime notizie: Quota 100, come aumentare i contributi per l'uscita anticipata

Questa misura è rivolta ai lavoratori ai quali mancano 3 anni per raggiungere i requisiti pensionabili e anche ai disoccupati che hanno 30 anni di contributi, ma che hanno smesso di percepire la Naspi da almeno tre mesi. A beneficiare di questa misura sono anche i caregiver che assistono familiari disabili da almeno sei mesi e che dispongono di almeno 30 anni di contributi, ma anche i lavoratori con una invalidità pari o superiore al 74% e che abbiano sempre 30 anni di contributi. Ad usufruire anche i lavoratori gravosi, che potranno uscire dal mondo del lavoro con 36 anni di contributi e 63 anni di età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.