Pensioni ultime notizie, 5 mesi del ritiro per poter accedere alla pensione anticipata

Pubblicato il: 3 Gennaio 2019 alle 8:57

L’attuale governo è intenzionato a dare una vera sterzata accelerando i tempi specialmente sulla pensione quota 100, perché il rischio sarebbe per la gestione della riforma che permetterà di andare in pensione con 63 anni di età e 38 anni di contributi, possa finire nel caos con dei ritardi piuttosto gravi nell’applicazione delle novità. Il decreto legge tante volte è stato annunciato ma non ancora approvato dal Consiglio dei Ministri, ma di fatto apre tutta una serie di problemi visto che siamo già giunti a due di gennaio e non sembra esserci ancora una data. Il governo sembra che abbia preso tutta una serie di decisioni, ma soltanto a livello politico e nessuna misura è stata tradotta in termini di legge. Mi fanno tanto ad esempio dell’ aumento di 5 mesi del ritiro per poter accedere alla pensione anticipata, ovvero quella che fino al 31 dicembre si poteva raggiungere con 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne indipendentemente dall’età.

Sulla base di quanto appena detto, a partire dal primo gennaio quindi l’aumento è calcolato sulla base delle leggi vigenti in relazione alla speranza di vita e quindi sia per la pensione di vecchiaia sia per quella anticipata, per le quali servono rispettivamente 67 anni di età e non più 76 anni 7 mesi e 43 anni e 3 mesi.

Il decreto adesso dovrà ridurre i 5 mesi dal momento che nel frattempo è già scattato da due giorni. La stessa cosa pare valga per i lavoratori precoci, ovvero quelli che hanno iniziato a lavorare prima di aver compiuto 18 anni e poi servono a partire dal primo gennaio 41 anni e 5 mesi per poter andare in pensione contro i 41 anni del 2018. Non si hanno ancora notizie certe anche su due misure annunciate come due proroghe ovvero Opzione donna e Ape sociale.

Con la prima si intende quel regime di pensionamento anticipato per le lavoratrici con almeno 35 anni di contributi e 58 anni di età, ma con un assegno che è calcolato interamente con il sistema contributivo. Invece l’Ape sociale è quella misura che permetterebbe a determinate categorie di lavoratori a partire dai 63 anni, di percepire un assegno fino a €1500 che è totalmente a carico dello Stato. I termini di entrambe le misure sono scaduti il 31 dicembre scorso, ma il governo ha deciso già da mesi di prorogarli tutti e due, ma anche in questo caso non sembra avere fatto in tempo. Ciò che Certo è che a partire dal primo Aprile dovrebbero decorrere le pensioni con almeno quota 100, di chi fino adesso è stato bloccato dal fatto di dover raggiungere i 67 anni previsti dalla pensione di vecchiaia. Bisognerà quindi attendere questo il decreto che arriverà al massimo entro il prossimo 12 gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *